1. Silvia la mia troia parte 1


    Data: 01/11/2018, Categorie: Tradimenti, Autore: axel, Fonte: EroticiRacconti

    Ciao Sono Marco (nome di fantasia) e sono un dirigente d’azienda . La storia che vado a raccontare è quella del mio rapporto con Silvia che lavora in una delle società in cui io sono consigliere di amministrazione. È una storia vera. Ho conosciuto Silvia a una cena della società in cui lavora eravamo al tavolo insieme e abbiamo iniziato a parlare a tutto campo delle cose che ci interessano e dei vari episodi delle nostre vite . Silvia parla volentieri e ascolta anche volentieri e quindi a fine cena ci siamo fermati fuori dal ristorante e senza accorgercene abbiamo fatto le ore piccole senza molti problemi (pur essendo entrambi sposati). Ci siamo salutati con una stretta di mano molto formale e vista l’intesa che si era creata tra noi tutto mi è sembrato molto strano e incompiuto. Nei giorni successivi ho pensato molto a quella serata e mi sono chiesto perché non sia finita diversamente …… A distanza di qualche mese la situazione della società è peggiorata e sono stati decisi riassestamenti interni quindi mi è sembrato naturale chiamarla per sapere come lei e i suoi colleghi vivevano questa situazione. L’ho invitata per un aperitivo e abbiamo trascorso due ore parlando di lavoro ed altro con la sensazione di avere un grande feeling e di nuovo me ne sono andato con la sensazione di incompiuto. Il giorno dopo ho iniziato a scriverle , le ho detto che mi faceva molto piacere stare con lei e le ho chiesto se potevamo rivederci. La risposta mi ha lasciato letteralmente di stucco. ... Non solo voleva rivedermi ma mi ha espressamente richiesto un incontro con un po’ più di privacy. Sono caduto dalla sedia e le ho risposto che ero più che felice di vederla in privato e che non avevo il minimo problema ad organizzarmi. Due giorni dopo appuntamento in auto in un parcheggio del centro lei lascia la sua macchina sale sulla mia e dopo i saluti decisamente più affettuosi mi chiede: “ Dove mi porti di bello?” Rispondo “vuoi mangiare qualcosa?” mi dice “preferirei qualcosa di più intimo” Non credo alle mie orecchie ,Silvia non è solo bella , elegante , intrigante , è anche un po’ troia! “Se vuoi c’è un motel qui vicino di ottimo livello….” “Mi sembra un’ottima idea” Guido fino al motel mentre lei mi abbraccia e mi si struscia contro , ho il cazzo di marmo . Espleto le formalità di rito e la porto in camera. Silvia è bellissima, tutte le curve a posto, seno abbondante ma non eccessivo tonico e sodo, vita stretta e fondoschiena da urlo, capelli biondi mossi e occhi chiari , un sorriso disarmante. Ormai è chiaro come va a finire. Non faccio neanche in tempo a chiudere la porta della camera e siamo già abbracciati mentre le nostre lingue frugano ogni anfratto della bocca. Le tolgo il vestito corto e ha un intimo da paura che se possibile aumenta ancora di più la mia eccitazione. Mi toglie i vestiti e resto in boxer ma si vede che ha una fame arretrata da paura perchè non riesce a non accarezzarmi l’erezione. Parto con l’idea di godermi la situazione con calma ma non è ...
«123»