1. Ex


    Data: 08/11/2018, Categorie: etero, Autore: Elioire6466, Fonte: EroticiRacconti

    Il primo amore non si scorda mai,sembra una banalità,un modo di dire e invece é cosi,specialmente se e stato uno stronzo. E cosi a distanza di piu di vent'anni ancora come si dice"me ce coceva".E si per me era stato il primo vero amore per te non credo proprio,piu che altro perche dove non ci arrivavo ci tiravi il cappello,per cui non ti sottilizzavi troppo sui sentimenti.Io invece c'ero caduta con tutte le scarpe. Comunque il tempo era passato ognuno di noi due si era fatto una vita,ma ogni tanto io a te ci pensavo,rarissimamente ci siamo incontrati,ma ogni volta il mio cuore andava a mille,ero proprio una stupida,a piu di quarant'anni e ancora questi batticuore da ragazzina. Qualche anno fa cambiando lavoro mi sono trovata col mio ufficio vicino alla ditta di suo fratello e sono entrata in confidenza con la sua segretaria. Per farla breve dopo un po che ci vedevamo a colazione le dissi di salutarti e siccome il lupo perde il pelo ma non il vizio passano pochissimi giorni e mi ti ritrovo davanti all'ufficio. Li per li con le gambe molli e la tachicardia non sapevo cosa dire,poi però tutto e tornato come allora battute,risate,chiacchiere tutto molto leggero e divertente.Era arrivata l'ora di chiusura io mi preparo per uscire quando tu di botto mi dici "me lo dai un bacio?" io tentenno giusto un attimo poi non resisto e ci baciamo e torno indietro di venti anni sento il suo sapore,la sua lingua..il mio sesso che s'infiamma e si bagna all'istante,i nostri corpi che aderiscono ... le sue mani che cercano di toccarmi ovunque eppoi ci stacchiamo mi riassesto e ci salutiamo. La sera mi mandi un messaggio dicendomi che era stato bellissimo ritrovarmi,che io ero sempre la figa di vent'anni prima e io mi sono gustata il messaggio quanto il bacio. Da quel giorno in poi ogni tanto me lo vedevo capitare in ufficio,ci facevamo lunghe chiacchierate poi pero si finiva sempre per chiuderci dentro a baciarci e toccarci senza ritegno,in piedi contro un muro io con la gonna tirata in alto e lui con la zip abbassata.Non era cambiato per nulla sempre convulso,prepotente egoista in quello che voleva,e me piaceva tanto.Voleva la mia figa senza tanti complimenti se la prendeva è io ero cosi soddisfatta. Sentire la sua lingua le sue labbra e rivedere i suoi occhi,la cosa piu bella,é stato fantastico. Una sera siamo andati a cena abbiamo camminato abbracciati era freddissimo,un po come se fossimo una coppia eppoi tornando in macchina ho cominciato a slacciargli i pantaloni gliel'ho preso in bocca e mentre guidava l'ho fatto godere, le sue mani stringevano il volante ogni qual volta il piacere della mia lingua superava un certo livello....l'ho fatto venire e ho bevuto tutto il suo seme,era caldo e denso,il piu buono in assoluto,ma forse solo perché era lui.Ci siamo fermati ci siamo spogliati e abbiamo fatto sesso,io mi sono messa sopra di lui per guardarlo negli occhi mentre era dentro di me,siamo venuti insieme come sempre e abbiamo riso,il mio era un riso amaro. Una volta ...
«12»