1. IL MONDO NUOVO - storia di lesbiche - 2


    Data: 08/11/2018, Categorie: Saffico, Autoerotismo, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Sonia estrasse dalla bocca il dildo e velocemente se lo piantò nel sesso…..ora erano impalate tutte e due…..semi sdraiate sulle schiena si accostavano sempre più l’una all’altra, muovendo il bacino e conficcandosi il doppio dildo sempre più in profondità…….erano possedute entrambe….una dal cazzo dell’altra…..che inventiva aveva Gabry, pensò Sonia. Come se si fossero messe d’accordo cominciarono delicatamente a masturbarsi, con i fianchi facevano dimenare la testa del dildo piantato in profondità e si allargavano le labbra con due dita massaggiandosii il clitoride col pollice……..Vennero quasi contemporaneamente e fu un ondata lunga di piacere….forse ebbero orgasmi multipli…..erano come stordite….quando la furia si placò erano spossate….si addormentarono appena calata l’adrenalina e faceva tenerezza vedere queste due donne stupende con il viso ridotto quasi a un mascherone per il trucco e il rimmel che era colato, sdraiate sul letto diventato un campo di battaglia, con ancora il doppio dildo infilato nelle rispettive vagine e le gambe aperte come avessero subito violenza…. Ogni volta che facevano l’amore erano distrutte….era troppo intenso il piacere che provavano…….La loro relazione andava così…erano appagate l’una dall’altra….avrebbero voluto stare sempre insieme purtroppo raramente si potevano vedere nei giorni lavorativi…..abitavano anche lontano….ma i weekend erano tutti per loro e pieni di sesso, mestruazioni permettendo.Una volta Gabry aveva regalato a Sonia una di ... quei plug anali col gioellino incorporato…..quelli che si infilavano nell’ano e per la loro forma rimanevano soldamente piantati…non potevano scivolare fuori e che avevano la particolarità di avere una specie di pietra preziosa colorata che rimaneva a sporgere tra le chiappe……. Quella di Sonia era rossa…del colore della passione, e si erano molto divertite a fotografarsi l’un l’altra indossandolo, riprendendo il culetto in primo piano con le luce che si rifletteva sulla pietra tagliata come un diamante. Era fatta per essere tenuta tutto il giorno inserita…….Sonia aveva provato la sensazione strana di andare al lavoro, circolare nell’ufficio, lavorare….con questa cosa che come si muoveva le sollecitava le pareti dell’ano…..indubbiamente era piacevole, ma dopo un po’ la sensazione si trasmetteva al canale vaginale, il movimento la faceva bagnare, invece di essere concentrata sul lavoro pensava solo alla possibilità di togliere lo slip o almeno spostarlo per potersi toccare, immergere le sue dita nella fica gocciolante, dare un po’ di sollievo alle febbre che la divorava…. Decise di non metterlo più fuori casa…….era una distrazione troppo forte.In un’altra occasione Gabry era arrivata a casa di Sonia con uno strap-on. L’aveva tirato fuori dalla scatola e nel vederlo Sonia si era messa la mano davanti alla bocca e a stento aveva trattenuto un urlo di meraviglia……era enorme….come avrebbero potuto adoperarlo? Nessuna delle due aveva una capienza tale da contenerlo….Gabry sorrise e la ...
«1...345...9»