1. Amica di mia madre 2


    Data: 17/11/2018, Categorie: Feticismo, Autore: Androide, Fonte: EroticiRacconti

    Come eravamo in accordo con la Sig.ra Cristina, la cliente della sartoria di mia madre, la chiamai per sapere se potevo andare a vedere a casa sua la partita della nazionale. Quando venne in sartoria e si fece prendere le nuove misure mi aveva fatto capire che un ragazzo di 17 anni le piaceva eccome. La sua prorompente femminilità con quel smisurato seno con poppe di 6a misura avevano scatenato e gonfiato sotto le mutande il mio cannone senza poter far nulla. Naturalmente per paura che arrivasse mia madre. Mi ero quindi spinto fino a chiederle di poter vedere la partita dalla Sig.ra Cristina, con la scusa che mia madre vedeva lo sceneggiato. Quando la chiamai la mia eccitazione era al massimo. Ripensavo ai suoi riccioli neri che le cadevano sul suo seno esplosivo, e alle folate di profumo che emetteva ad ogni suo movimento. Si in sartoria avevo provato forti emozioni a prenderle le misure sui seni, sul culo, e suoi fianchi. E lei si era divertita a sedurmi, indugiando e porgendo il suo corpo a casuale struscio sulla mia patta. Leggera e di classe come una vera signora. Lei al telefono mi incalzò dicendomi di andare a casa sua anche prima della partita. Non me lo feci ripetere. Suonai al citofono di casa sua. La sua porta di casa era in cima alla prima rampa di una ventina di scalini. Lei Aprì il portone.. e me la trovai in cima alla scala con una mise da casa molto elegante e al tempo stesso sexy per una donna comunque carnosa di 55 anni. ... I suoi capelli neri, pelle bianchissima, labbra color fiamma, tacchi alti di vernice rosa fumetto da camera con lo stesso ponpon di piuma rosa. Il suo corpo era fasciato da una corta sottoveste di seta rosa con pizzi sulla profonda scollatura e sui contorni della sottoveste stessa e sulle spalle una vestaglia sempre di seta rosa lunga fino ai piedi completamente aperta. Appena entrai in casa mi disse di andare a vedere la televisione, e di non disturbare perchè era in salotto con l' Amministratore di casa. Mentre mi allontanai sentii del chiacchericcio nel salotto. Amministratore gli stava intimando di pagare delle rate mancanti, e lei chiedeva una proroga di un mese, e la sig.ra Cristina si riprometteva di essere gentile e grata con lui sino da quella sera, per il mese intero tutte le sere. Sentii un rumore di chiavistello alla porta del salotto, e tutto si zittì. Poco dopo arrivarono dei mugolii di piacere dal salotto. Guardai dalla serratura e la Sig.ra Cristina era totalmente preda dell' Amministratore. Lui era un polipo su di lei. Si sentirono dei ruggiti spasmodici di liberazione al piacere. Accesi a quel punto la TV, per non farmi accorgere che avevo ascoltato. Uscirono entrambi dalla stanza sentendo dire da Lei all' uomo. Ci vediamo domani sera. Sentii il ticchettio dei suoi tacchi, ed entro in camera da me dicendo, ....finisci di vedere la partita e non farti più vedere. Pensai che forse avrei avuto una chance il mese successivo.
«1»