1. In trasferta (Lo stato d'oro e la fine?)


    Data: 19/11/2018, Categorie: Comici, Autore: Yaz, Fonte: EroticiRacconti

    Ultima settimana. Sette giorni ci rimangono per fare tutto quello che ancora non abbiamo fatto. L'aereo che ci ha portato dall'Arizona alla California è atterrato da qualche ora, e noi ci siamo già piazzati a Santa Barbara. Abbiamo pensato che Los Angeles fosse troppo caotica come città dove stare, e tra le due abbiamo scelto la prima (LA dista meno di due ore di macchina). Essendo sul mare, è facile intuire come abbiamo intenzione di spendere gli ultimi giorni negli USA: spiaggia, spiaggia e ancora spiaggia. Certo, c'è in programma il trip a Los Angeles, ma il relax ha la priorità. Essendo nel Golden State, lo stato d'oro, anima viva della nazione, il pensiero di poterci divertire ci ha sfiorato più volte; la fama delle californiane le ha precedute, anche se personalmente dopo Kelly sono a posto per tutto il resto della vacanza. Ah, per precisare, i restanti giorni in Arizona li ho passati con lei o con il gruppo, perchè, incredibile a dirsi, sia B che C hanno ricevuto picche la sera stessa che io ho calato il poker d'assi. Con A che si era giostrato la receptionist, B e C erano gli unici veramente carichi per la California "Ohhh spacchiamo tuttoooo" imitando il tamarro di periferia. Giusto per chiudere la parentesi Kelly, ovviamente siamo rimasti in contatto, sia mai di una futura vacanza in Italia da parte sua..... Giorno. Gli allupati in spiaggia li riconosci subito: distesi a pancia in giù (così da nascondere eventuali durelli), occhiale da sole che cela lo sguardo, ed ... impercettibili movimenti della testa atti a scorgere chiappe e tette in quantità. B e C sono in versione "giuria dei tuffi"; ogni tot che passa una ragazza "pisellabile" eccoli sprecarsi in commentoni da esperti quali non sono, mentre io e A siamo distesi a pancia in sù, in stile mummia egizia. Fermi ed immobili a prendere il sole. Qualche volta ci scappa da ridere per le cazzate che sentiamo dai giudici, quando eccoli scorgere delle possibili prede: due ragazze che fanno tranquille il bagno in acqua. Li sentiamo confabulare e poi eccoli prendere il via, verso il mare. "Imbecille, togliti gli occhiali almeno" dico a C, che si era già immedesimato nello squalo che sente l'odore del sangue. Io e A ci alziamo leggermente per vedere il teatrino che i due devono mettere su per tentare di attaccar bottone. Da lontano vediamo solo un tentativo di conversazione, ma evidentemente non va (Incredibile proprio luiiii! cit.), perché non solo le due tipe si distaccano, ma escono stizzite dall'acqua. Gli sconfitti tornano al campo base mogi mogi "Beh? Che avete fatto per metterle in fuga?" incalza A. "Ma niente.....erano italiane. Sorelle. In vacanza" Io e A ridiamo di gusto alle parole di B "Ahahahaha hanno capito subito che le volevate trapanare senza pietà! C'è da dire che le nostre non sono poi troppo fesse...." commento, ritrovando consensi "Bah sono in vacanza, almeno una chiavatina potrebbero farsela!" dice scocciato C "Certo perché è imperativo scopare come ricci in vacanza no? Dai, ...
«123»