1. Catia mamma puttana: introduzione


    Data: 25/11/2018, Categorie: Dominazione, Etero, Incesti, Cuckold, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Luca era disperato stava per cominciare la notte più orribile ed eccitante della sua vita.Da circa tre mesi sua madre, Catia, era strana. Alternava momenti di euforia a momenti di quasi depressione. Oltretutto lei, che normalmente era sempre molto precisa negli orari, cambiava spesso programma. A volte la sera non tornava nemmeno a casa dal lavoro gli telefonava per dirgli di mangiare qualcosa di freddo o di ordinarsi una pizza rientrando poi dopo la mezzanotte senza dare spiegazioni.Luca sapeva benissimo che, anche se mai in maniera così esagerata, questo era il modo di comportarsi di sua madre quando aveva una storia, ma in passato sua madre gli aveva presentato il fortunato due o tre settimane dopo che si erano messi assieme, questa volta tutto sembrava segreto, anche se il modo di vestire era chiaramente più sexy del solito.Negli ultimi tre o quattro giorni sua madre era nervosissima. Le cose gli cadevano dalle mani e sembrava posseduta dalla rabbia ogni qualvolta gli accadeva qualcosa. Oggi, sabato, gli aveva detto che avrebbero pranzato fuori in un agriturismo di poco fuori città perché doveva parlargli. Luca pensò che era l’ora. Normalmente sua madre quando gli doveva parlare di un nuovo “papà” come scherzosamente dicevano tra di loro faceva sempre così. La novità era che nelle volte precedenti era sempre allegra e scherzosa mentre questa volta era seria e nervosa.Tutto andava come previsto, come un film già visto. Passaggio veloce nel centro commerciale, poi pranzo ... nell’agriturismo e poi passeggiata nel lungo lago non molto distante dove lei di solito lo metteva al corrente della novità. Solo che stavolta il finale per Luca era stato tanto incredibile quanto drammatico. Il misterioso amico di mamma, il suo amante da oltre tre mesi non altri che Marco, il suo quasi amico Marco. Marco era un suo compagno di classe dell’ultimo anno appena concluso delle superiori. Aveva solo un anno più di lui in quanto ripetente. Non solo la cosa gli sembrava impossibile, ma Marco gli stava assai antipatico in quanto lo bullizzava spesso mettendolo spesso in ridicolo con Massimo, Roberto e Simone i soli amici con cui lui avesse legato in tanti anni. Anche loro suoi compagni di scuola, prima dell’arrivo di Marco lo trattavano da pari a pari ma dopo lo prendevano in giro anche loro a causa del suo carattere sottomesso facendogli a volte scherzi anche crudeli.Luca la prese malissimo, non si dava pace, e non sapeva ancora l’aspetto più terribile.Sua madre, tranquillamente, come se fosse normale parlare di queste cose tra madre e figlio, gli disse che il suo rapporto con Marco non era proprio normale, e non certo per la differenza d’età. Marco aveva gusti un po’ strani, gli piaceva dominarla e lei aveva scoperto con sua meraviglia, che la cosa le piaceva. Disse che gli aveva fatto conoscere quella parte di troia che c’era in lei.Luca era sempre più sconvolto. Dopo aver collegato il fatto che in effetti Marco negli ultimi tre o quattro mesi era un po’ latitante ...
«123»