1. Zio Vittorio (parte II)


    Data: 03/12/2018, Categorie: Prime esperienze, Autore: marys, Fonte: EroticiRacconti

    Ecco la seconda parte della mia prima volta con un uomo maturo. Zio Vittorio era stato a cena il venerdì dopo quella serata molto eccitante il weekend era trascorso come al solito, avevo fatto sesso col mio ragazzo, la solita sveltina in macchina coi sedili abbassati, qualche carezza e poi lui mi è montato su per darmi un paio di botte, i rapporti mi hanno lasciato molto insoddisfatta, non somigliavano neanche lontanamente alle sensazioni che Vittorio mi aveva dato solo con una mano da sopra al pantaloncino, la sera nel letto mi sono masturbata pensando a Vittorio. Il lunedì mattina mi svegliai presto dovevo iniziare il lavoro nell'ufficio di Vittorio, dedicai molto tempo a depilarmi bene e scelsi un completino intimo molto sexy nero trasparente reggiseno a balconcino e perizoma, continuavo a ripetermi che non avrei fatto sesso con un uomo che poteva essere mio padre ma, la mia fica continuava a colare, sopra un vestitino corto scollato e stretto sopra in modo da mettere in risalto la mia quarta abbondante e ero pronta per uscire. Arrivata in ufficio c'era solo Vittorio mi salutò con un abbraccio sfiorando quasi casualmente il mio sedere, mi fece sedere per farmi vedere il lavoro ogni tanto mi poggiava una mano su una gamba, a un certo punto mi chiese di alzarmi per poter usare il computer e si sedette al mio posto, mi fece sedere sulle sue gambe con la scusa di farmi vedere bene quello che faceva, mi ritrovai ... seduta sul suo cazzo duro che premeva sul mio culo non capivo più nulla, come se nulla fosse mentre con una mano lavorava sul computer Vittorio infilò l'altra sotto il mio vestito, accarezzava le mie gambe molto lentamente, non capivo più nulla istintivamente apri le gambe permettendo alla sua mano di salire all'interno e arrivare alla mia fica, ero fradicia e quando lui spostò il perizoma e mi infilò due dita dentro esplosi in un orgasmo, lui si limitò a sorridere senza dire nulla e mi augurò buon lavoro. I giorni di lavoro procedevano normale, ma la mattina lui cercava sempre il modo di farmi godere, era diventata la mia colazione, le sue dita mi facevano impazzire, non avevo mai visto il suo cazzo, non mi aveva mai chiesto nulla, lo avevo sentito attraverso i pantaloni e potevo intuire che era grosso ogni volta che si appoggiava al mio sedere nel piccolo stanzino dove preparavo il caffè. L'ultimo giorno di lavoro mi disse che gli avrebbe fatto piacere avermi a pranzo a casa sua il giorno dopo, accettai entusiasta pregustando finalmente una vera scopata diversa da quelle col mio ragazzo, ormai lo desideravo, il suo cazzo che non avevo ancora visto era la mia ossessione, probabilmente voleva arrivare a questo coi suoi giochi, prendemmo appuntamento per il giorno dopo a mezzogiorno alla metropolitana di piazza Cavour. Se la storia vera vi ricordo vi piace e volete sapere cosa accadde a casa di Vittorio commentate
«1»