1. Rosa e Inga 3


    Data: 05/12/2018, Categorie: Dominazione, Autore: Amoledonne, Fonte: EroticiRacconti

    Rosa, dopo una notte di riposo a casa con il mollusco, ed una normale giornata di lavoro, è tornata dai suoi padroni. E' felice, allegra, soddisfatta: nell'ultima notte a casa di Gino ed Inga era stata sottoposta a splendide torture come il cavalletto, usato ai tempi dell'inquisizione, o la sigaretta del dolore, come la aveva definita insieme alla sua padrona, ma sopratutto aveva avuto l'onore di sottoporre la sua padrona Inga alla tortura anale, e alla fine Inga dopo essere stata sciolta dal tavolo di tortura le si era avvicinata e le aveva dato un bacio lesbico che la aveva fatta godere!. Rosa viene accompagnata da Chitù (nudo e con la mazza sempre dura!) e raggiunge i padroni in soggiorno. Gino e Inga stanno vedendo un film porno in TV, Rosa si inginocchia e rimane in attesa di ordini. Inga la guarda con il suo sguardo gelido, ma ora quasi da amica, e le dice: pene, sei arrivata! ho buona notizia per te: tu promossa di un grado: tu passa da piccola troia a grande troia, ya, contenta? Rosa si prostra: grazie padrona, posso leccarti i piedi? Ya ma poi tu viene qui e guarda film molto porco con tuoi padroni: snell! Rosa lecca i piedi di Inga e raggiunge i padroni sul divano. Gino guarda le due donne e ordina: film come questo vanno visti da nudi: se ci vengono voglie porche voglio attuarle subito, senza perdere tempo a spogliarci! Inga e Rosa eseguono, anche Gino si spoglia e si risiede con le due femmine. Il film è appena iniziato: parla dell'inquisizione: tre donne vengono ... catturate e devono dire i nomi di altre "eretiche". La scena mostra la protagonista tutta nuda, col corpo segnato da colpi di frusta, e legata alla ruota della tortura. Torquemada fa dare un'altra frustata alla femmina sotto tortura, poi ordina di girare la ruota, che inizia a tirare il corpo della torturata che urla di dolore. Gino ferma il film, si prende il cazzo in mano, e guarda Inga che subito si avvicina a Gino, guarda Rosa e le ordina: tu ora guarda, tu arrapa, tu autorizzata: fare ditalino, poi si butta sul cazzo di Gino e comincia a fargli un bocchino favoloso, leccandogli il glande e le palle, per poi ricominciare a succhiare con voracità quello splendido cazzo! Rosa sta lavorandosi la fica: la visione di quello splendido esemplare di femmina che sbocchina un cazzo da 30 cm la fa impazzire di lussuria e d'invidia facendola sborrare mentre vede Gino venire in bocca a Inga: la tedesca trattiene la sborra in bocca e fa un cenno di comando a Rosa che capisce subito l'ordine ricevuto, si avvicina a Inga apre la bocca e la bacia. Inga apre le labbra invadendo la bocca di Rosa con la sborra di Gino! Rosa va in tilt: gode come una vacca e lentamente centellina lo sperma ricevuto, ingoiandolo! appena riesce a parlare Rosa dice a Inga: padrona, grazie! il potere gustare la sborra di tuo marito mi ha fatto venire come la troia che so di essere! Inga la guarda facendo il suo sorriso freddo e crudele: Ya, grande troia: tu ha gustato sborra di Gino con grande goduria: tu brava ...
«1234»