1. Schiavo per caso


    Data: 05/12/2018, Categorie: Orge, Gay / Bisex, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Mi trovavo da un cliente per lavoro, ad un certo punto sento un messaggio di wathsapp sul cellulare, lo apro e trovo una foto inviatemi dalla mia assistente Anna: erano foto di lei nuda! Ho cercato di far finta di niente per non far capire che stavo iniziando ad eccitarmi. Ma i messaggi con le foto continuavano a ritmo crescente. Lei era sola in ufficio e si stava toccando la fica e le tette. Mi scriveva che aveva voglia del mio cazzo che lo voleva in bocca e farmi un pompino. Le rispondevo che anche io avevo voglia di lei e della sua fica. Che sentivo il sapore della sua fica in bocca. Un altro messaggio era un video: Anna che si masturbava!A quel punto non ho capito più nulla! Ero paonazzo e tremavo per l’eccitazione. Il cliente se n'è accorto e mi ha chiesto se stavo male. Io ho risposto che avevo bisogno di una pausa e che dovevo andare in bagno. E cosi sono andato in uno dei bagni, per masturbarmi. Ero troppo eccitato!Sono entrato nel bagno, mi sono abbassato i pantaloni e le mutande ed ho iniziato a toccarmi il cazzo.Ma non mi ero reso conto che in bagno c'era già un operaio che si era appena fatto la doccia e nudo si stava asciugando.Mentre mi stavo masturbando sento una mano che mi tocca il culo. Mi blocco pieno di paura. Ma lui, che era un tunisino di 65 anni, mi dice: “stai zitto! Ora farai tutto quello che ti dico! Altrimenti dico a tutti quello che facevi!”Io tremando gli ho detto di si.A quel punto mi ha preso per i capelli e mi ha fatto inginocchiare davanti a ... lui. “succhiami il cazzo puttana!”E cosi ho aperto la bocca e gli ho preso il cazzo in bocca. Il suo cazzo era lungo, molto più lungo del mio. E per me era la prima volta. Non avevo mai preso un cazzo in bocca. E non avevo il coraggio di ribellarmi. Mi teneva la testa ferma e lui si muoveva dentro la mia bocca. Aveva un buon sapore. E ci stavo prendendo gusto. Cosi ho iniziato a muovere io la testa e a succhiare con passione. Battevo la lingua sulla cappella e giravo attorno a tutto il cazzo.Ad un certo punto mi ha bloccato.Mi ha fatto alzare e mi ha fatto appoggiare con le mani al muro, mi ha fatto andare indietro con il culo, mi ha fatto allargare le chiappe, ha sputato sulla sua mano e mi ha bagnato il buco del culo. “ora ti inculo, troia!”.Sentendomi dire cosi il mio cazzo è diventato durissimo, ero eccitato al massimo!Ha appoggiato la cappella sul mio buco del culo ed ha iniziato a spingere piano piano. “hai il buco che mi sta succhiando il cazzo. Nei hai presi altri di cazzi?” e io “no ma mi infilo ogni tanto un dito nel culo”.“allora sei vergine! Sei la mia schiava vergine!” Ha dato spinte più profonde fino a quando il suo cazzo è entrato tutto dentro il mio culo. Era un godimento nuovo per me, prima era come se fosse un dolore ma poi si è trasformato in piacere. Ha cominciato a muoversi dentro di me, sentivo il mio culo pieno del suo cazzo. Mi chiedeva se mi piaceva e io gli rispondevo di si. E che da quel momento in poi ero la sua troia. E gli dicevo che volevo essere ...
«123»