1. Giochi di societa' 2 - un'altra serata (1/2)


    Data: 09/01/2019, Categorie: Prime esperienze, Autore: suntopless, Fonte: Annunci69

    Video, foto e racconti sul nostro blog personale: www.suntopless.blogspot.it ***** Premessa: quello che segue è il resoconto di John della seconda serata trascorsa con degli amici cui seguirà la versione di Yoko. Era trascorso poco più di un mese da quella sera strana ed indimenticabile in cui ci eravamo lasciati andare ed erano accadute cose che mai ci saremmo immaginati (vedi il racconto “Giochi di società” n.d.r.). Per la verità non ci eravamo neanche più sentiti, quasi a cancellare quel che era accaduto contando sul fatto di non vederci. Ma Chiara contattò tutti nuovamente: era il suo compleanno! Aveva deciso di invitarci tutti a casa sua per festeggiare questa ricorrenza e, non c’erano dubbi, era inevitabile, per riparlare dei fatti accaduti. Stranamente, io e Yoko non avevamo parlato per nulla di tutto quel che era successo quella sera, di quel che aveva fatto lei e di quel che avevo fatto io. Probabilmente avevamo entrambi evitato di farlo per non farci del male. Soltanto poco prima di raggiungere casa di Chiara e Mario, mentre ci preparavamo, ci lanciammo l’un l’altro qualche battutina. Cominciò lei ad insinuare che fossi contento di rivedere Chiara che mi aveva quasi fatto un pompino. Continuai io rimproverandola di avere spompinato con gusto ben tre cazzi oltre al mio. Insomma ci sfuggì qualche parola di troppo che rischiava di rovinare sin da subito la serata. Yoko mi guardò con quel suo sguardo stizzito e quasi di sfida “Ed allora, visto che per te sono una ... puttana, questo neanche lo indosso!” Così facendo tolse la leggera camicetta che aveva già abbottonato, tirò via il reggiseno e si rimise la camicetta. Adesso le forme del suo seno e le forme dei suoi capezzoli erano evidenti. Ogni tanto usciva di casa senza reggiseno, ma mai quando dovevamo incontrare degli amici. Stavolta quindi lo fece per ripicca. Andammo senza più accusarci verso l’appuntamento. Ci aprì la porta direttamente Chiara: che spettacolo! Indossava una leggera minigonna ma soprattutto una canotta nera totalmente trasparente, ovviamente senza reggiseno sotto! Le tette, magnifiche, di Chiara erano assolutamente visibili. Quante volte le avevo immaginate. Un mese prima le avevo finalmente toccate, mi erano piaciute, ma non le avevo mai viste! Stupende! Anche Yoko ne fu sorpresa, fu sorpresa dall’audacia dell’amica. Anche gli altri amici, gli stessi della volta precedente, rimasero colpiti dalla mise di Chiara. L’imbarazzo ad inizio serata fu evidente. Gli uomini che in un modo o nell’altro cercavano di spiare quelle splendide tette e le donne che, anch’esse sbirciando, non capivano il perché di quell’abbigliamento fin troppo sfrontato. La situazione fu chiarita poco dopo a cena. Una normale cena, a tavola questa volta. “Avrete certamente notato l’audacia del mio vestire questa sera!” esordì Chiara che in questo modo zittì tutti i discorsi che nel frattempo erano in corso tra i commensali. “E’ stato un omaggio a quella splendida serata che abbiamo trascorso insieme la ...
«1234»