1. Centro benessere


    Data: 09/01/2019, Categorie: Tradimenti Autore: eternity_1986, Fonte: Annunci69

    La mia ragazza mi costrinse ad acquistare due biglietti per un centro benessere appena fuori città. Non so perché ma non mi sono mai piaciuti. Il pacchetto però era davvero conveniente e quindi non feci molte storie. Nei giorni antecedenti mi piaceva stuzzicarla: -chissà quale bella donzella si prenderà cura di me-dicevo ridacchiando ricevendo solo occhiatacce in cambio. Invece proprio il giorno prima mi disse tutta trionfante che il centro era serissimo e che lì le donne massaggiavano le donne e gli uomini altri uomini. Cercai di nascondere il più possibile la mia delusione, ma nacque comunque la solita discussione. Destino vuole che il fatidico giorno la mia ragazza si ammalò, io volevo rinunciare ma non so se per ripicca o per affetto mi intimò di andarci lo stesso. Il centro era davvero bello, elegante ed accogliente. Appena rinnovato era un misto di tradizione ed innovazione. Iniziai il percorso composto da sauna, doccia rigenerante, cromo terapia ed infine mi indirizzarono verso delle stanze private dove avvenivano i massaggi. Ad attendermi c'era Paolo un bell'uomo prestante e molto spigliato che mi mise subito a mio agio. Alto, sguardo intenso,capelli brizzolati corti, nascondeva a fatica un fisico notevole con una t-shirt con collo a V e dei pantaloni leggeri simil tuta. Dietro un separè mi fece togliere il costume e mi diede uno slippino monouso e un asciugamano bello grande. Mi fece accomodare a pancia in giù sul comodo lettino. Subito mi chiese-silenzio,musica, o ...
     chiacchierata?- Optai per quest'ultima anche perché mi trovavo davvero bene con lui.<!-- /1013617/Annunci_300x250 --> googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1493738170950-0'); }); Iniziammo a parlare di calcio lavoro donne. Ci sapeva fare, io mi sentivo davvero leggero leggero. Le sue mani forti ma delicate mi stavano rimettendo al mondo. Mi stavo rilassando...pure troppo. Sentii il mio pisello diventare dapprima barzotto e poi duro. Provai a distrarmi, da qualche minuto avevo smesso di ascoltarlo. Che mi stava succedendo? Pensai alle tasse, ai problemi sul lavoro, all'inquinamento .....Niente non voleva saperne di smollarsi. Paolo sembrava non accorgersi di nulla. Ma quando iniziai a far resistenza per girarmi, capì subito e scoppiò a ridere - non preoccuparti sai quante volte mi è capitato- Iniziò a raccontarmi di tutte le situazioni imbarazzanti che gli erano capitate, alle proposte indecenti che aveva dovuto rifiutare. Da buon padre di famiglia non si era mai venduto per pochi spiccioli. Provai una strana ammirazione e una nuova fiducia nei suoi riguardi, così lentamente mi decisi a voltarmi. Poggiò subito l'asciugamano sul mio ventre, ma c'era poco da fare sembrava una tenda indiana. Riprese in maniera molto professionale il massaggio. Parlava meno, sembrava più distratto. Io cercavo nella mia fantasia qualcosa che mi potesse aiutare a perdere l'erezione. Ma niente, le sue mani continuavano ad esplorare il mio corpo e così diventava impossibile. Mi ...
«123»