1. Non me l'aspettavo


    Data: 10/01/2019, Categorie: Tradimenti, Autore: Keeper, Fonte: Annunci69

    Il ristorantino della spiaggia è stracolmo. La cameriera ci propone di accomodarci ad un tavolo già parzialmente occupato. Non ne siamo felici, ma l’alternativa è aspettare almeno un’ora. Ci accompagna ad un tavolo e chiede ai ragazzi seduti di farci un po’ di posto sulla rustica panca di legno. Ti siedi accanto a quello che sembra il leader del gruppo, io di fronte a te. Subito lui si accorge che siamo italiani come lui e si presenta. E’ istruttore di surf alla scuola poco distante e gli altri sono suoi allievi olandesi. E’ sui 25 anni, l’abbronzatura uniforme di chi vive al mare, fisico atletico ma non palestrato. Ha un bel viso aperto, lineamenti regolari, le labbra carnose si schiudono spesso su una chiostra di denti bianchissimi. I capelli castani sono tagliati corti. Il suo punto forte sono però gli occhi, scurissimi, quasi neri, che sembrano scintillare soprattutto quando sorride. E’gentile ed educato, sicuro di sé. Trascurando i suoi commensali parla con noi del più e del meno, dispensandoci preziosi consigli su come muoversi sull’isola. Si rivolge ad entrambi, ma presto la sua attenzione è tutta su di te. Inizio a parlare con il tipo accanto a me e presto mi trovo coinvolto in una accesa discussione sulla politica italiana. Tra il brusio della gente capisco che state parlando di musica. Distrattamente ti guardo e vedo che lui ti parla fissandoti negli occhi, ma spesso il suo sguardo cade sul tuo seno, coperto appena dal pareo. Noto anche si ti si è avvicinato ... parecchio, al punto che di sicuro sotto il tavolo le vostre gambe si sfiorano. Provo una fitta di gelosia. Vi guardo e quasi non ve ne accorgete neppure. I clienti gli fanno notare che è giunta l’ora di tornare alla scuola, lui si alza e con naturalezza ti bacia sulle guance, mentre lo fa la sua mano è appoggiata al tuo fianco. Poco dopo sotto l’ombrellone ripenso a ciò che é successo, non è da te dare confidenza ad uno sconosciuto e soprattutto so che non ami il contatto fisico con estranei. Soprattutto ripenso che lui stava indubbiamente flirtando con te. Penso alle vostre cosce a contatto e di nuovo provo una fitta di gelosia, ma anche un pizzico di eccitazione, mista ad orgoglio. Nonostante l’età sei ancora una bella donna, il tempo é stato clemente con il tuo fisico e mi fa piacere la conferma che non sono il solo ad apprezzarti. Ti volti sulla pancia e mi chiedi di spalmarti la crema. Guardo le mie mani che scorrono sulle tue gambe e immagino a quando poco fa era la sua gamba a toccarti. Con indifferenza ti chiedo di lui. Rispondi che ti ha fatto una buona impressione e che é davvero un bel ragazzo, simpatico ma soprattutto educato. Mentre ti passo la crema sul sedere all’improvviso mi si presenta alla mente un’immagine: le mani che scorrono sulla tua pelle non sono più le mie ma le sue. Mi stupisco, non ho mai avuto pensieri del genere, ma mi accorgo che ho una prepotente erezione. Per tutto il resto del pomeriggio non faccio che pensare a questo, sempre combattuto tra la ...
«1234...13»