1. L'impero dei sensi (biscuits&milk2)


    Data: 10/01/2019, Categorie: Lui & Lei, Autore: lordofthepimps, Fonte: Annunci69

    Questa è una storia triste... la storia di un povero singolo, sfigato, senza una donna. E' basata su personaggi, luoghi e fatti di fantasia, si intende. Questo singolo subisce ogni giorno le angherie di un padrone despota e iniquo. Un reggente arrogante che lo sfrutta, lo rifiuta e lo disprezza. Questo padrone, anzi questi padroni, perché sono in coppia, e da ora li chiameremo così, hanno potere assoluto di giudicare, di esigere e di rifiutare il singolo. Ciò, in un certo senso, è giusto e sacrosanto, e rientra nella libertà. Inoltre è permesso dal singolo stesso che si offre a tale schiavitù volontariamente. Ciò avviene perché c'è una risorsa che hanno i regnanti e che il singolo non ha. Un bene prezioso e desiderabile di cui egli purtroppo, per sua natura, non può fare a meno, ma che i padroni elargiscono con parsimonia. Questo sembrerebbe un ordine di cose naturale. Tuttavia in questo regno incantato vigono delle leggi grottesche! Per esempio: il bene supremo di cui dispongono i despoti, da solo, non da il suo rendimento massimo, ma deve essere lavorato anche dal singolo. Sia quest'ultimo che i feudatari, sono liberissimi di "lavorarsi" da soli... ma il risultato è assai scadente e deludente! Questo lo sanno benissimo entrambi.<!-- /1013617/Annunci_300x250 --> googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1493738170950-0'); }); Nonostante questa equivalente utilità di entrambi gli attori, il singolo non è considerato di alcuna utilità! E questo, badate ... bene, non perché la risorsa della coppia sia più rara in natura - tutt'altro! - ma solo perché appunto utilizzata con grande parsimonia dai padroni che in questo modo possono continuare a detenere il potere. Un'altra regola è che se il povero sfigato decide di elemosinare un pò della risorsa deve farlo nei modi e nei termini stabiliti arbitrariamente dalla coppia. E non importa se questi modi cambiano da un momento all'altro, da persona a persona e da contesto a contesto. Questa sarebbe cosa buona e giusta ma, in cambio, i padroni non devono nulla e non sono tenuti mai a ricambiare. Questo è generalmente accettato da tutti. E nessuno si sogna di dire mai che i rapporti tra questi due attori dovrebbero essere equanimi. Il nostro povero singolo non ha altresì facoltà di parola/replica. E può essere accusato pubblicamente ma non potrà replicare. Verrà appeso un cartello alla sua porta con scritte infamanti e non potrà toglierlo. Verranno cancellate le tracce delle sue colpe. Così tutti dovranno ritenere a priori che lui si sia colpevole, perché egli non avrà modo di dire la sua, e non sarà possibile verificare nemmeno il reato. In genere gli altri singoli inveiranno anch'essi contro di lui se eventualmente chiamati in causa, per non dispiacere al padrone. Il padrone è pertanto capriccioso e arrogante. Se è bianco, ma decide che non vuole essere appellato come "bianco", anche se l'evidenza del suo candore è chiara a tutti, potrà farlo e dire pubblicamente che chi lo definisce tale è ...
«12»