1. Il marito della collega


    Data: 11/01/2019, Categorie: Trio Autore: Level69, Fonte: Annunci69

    Cari lettori, saranno apprezzati i vostri commenti, positivi o negativi che siano. Grazie! IL MARITO DELLA COLLEGA I piedi di Monica, anche se non sono piccolissimi, porta il trentanove, si possono definire piedini. Hanno forma affusolata, le dita sono disegnate in modo regolare, la lunghezza a scalare e l’arcata plantare é molto evidente. Nonostante la caviglia non sia sottile, i polpacci sono torniti, le gambe slanciate, sempre depilate e lisce, la pelle di raso. Siamo colleghe, stesso ufficio che condividiamo solo io e lei, e ogni giorno posso bearmi di questo seducente spettacolo . Un giorno d’estate in pausa pranzo stiamo mangiando un panino in ufficio e chiacchierando di scarpe. ” “Sai Monica, mi piacciono molto i tuoi sandali. Sono invidiosa, li vorrei io”. Sono sandali con il tacco medio-alto a spillo e i lacci lunghi da arrotolare alla caviglia. “Giorgia, secondo me ti starebbero molto bene, vuoi provarli?” Mi dice Monica. “Abbiamo la stessa taglia di piede, no?”. “Oh certo, si grazie, davvero, mi piacerebbe vedere come mi stanno”. Lei se li sfila con gesto lento e sensuale senza smettere di incrociare il mio sguardo e me li porge.<!-- /1013617/Annunci_300x250 --> googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1493738170950-0'); }); Indosso i suoi sandali provando un’eccitazione che cerco di coprire. Monica in piedi di fronte a me, scalza, scruta attentamente i miei piedi nei suoi sandali. “Giorgia, ti stanno un amore, perché non vai in bagno a ...
     specchiarti, così potrai giudicare tu stessa?”. Non me lo faccio ripetere e mi chiudo in bagno rimirandomi nell’ampia specchiera sopra il lavabo. Poi mi sfilo i sandali di Monica e comincio ad annusarne uno, inalando profondamente il suo aroma e ad accarezzare il plantare con la lingua. Mi eccita sentire il gusto del cuoio che è stato a contatto il suo piedino tanto che spingo l’altro sandalo in mezzo alle gambe contro il pube. Rientro in ufficio e le restituisco i sandali. “Grazie, e stata una bella sensazione calzare i tuoi sandali”. Con un pizzico di malizia mi spiega che la sera prima suo marito, di ritorno da una lunga trasferta di lavoro, ha voluto che tenesse indosso quegli stessi sandali mentre la possedeva per ore senza darle respiro (e mi strizza l’ occhio). Monica parla spesso del marito nell’ intimità e pare molto soddisfatta della loro vita sessuale. “I tuoi piedi e le tue gambe sono così erotici” le dico “immagino che tuo marito passi ore ad adorarli”. Monica sorride e me li mostra avvicinandoli al mio viso per un migliore panorama. “Sono bellissimi Monica.” Dico rimanendo senza fiato. “Proprio dopo il lavoro ho un appuntamento con l’ estetista e quindi se vuoi vederli laccati e perfettamente curati puoi venire a casa mia stasera”. Poi alza i piedi nudi e li appoggia sulla scrivania e dice tra l’ ammiccante e lo scherzoso. “Giorgia, ti piacerebbe leccare i miei piedini?” dice strizzando l' occhio “Oh si..si..certo, i tuoi piedi, le tue gambe, le tue labbra ti desidero, ...
«1234»