1. Con zia al mare


    Data: 08/02/2019, Categorie: Prime esperienze Autore: milella700, Fonte: Annunci69

    Vi racconto di quando avevo circa dieci anni e ogni tanto andavo al mare insieme a mia zia e i suoi due figli. I miei genitori per motivi di lavoro non potevano portarmi tutti i giorni al mare e così nel pomeriggio dopo pranzo mia zia veniva a prendermi con la sua macchina e passavo un po' di tempo con lei e i miei cugini in spiaggia. Aveva divorziato dal marito perchè lui l'aveva tradita e questa cosa in verità non me la spiegavo poichè era una donna molto attraente. A quei tempi aveva circa trentacinque anni, alta 1 e 70, snella con una quarta di seno e sedere a mandolino. Bene, un giorno capitò che mentre era seduta a leggere io e i miei cugini che avevano circa sei anni più di me ce ne andammo a nuotare al largo e tornati dopo un po' a riva decidemmo di giocare a pallone così mandarono me a prenderlo. La palla era piazzata giusto ai piedi della sdraio di mia zia e involontariamente nel raccoglierla i miei occhi incrociarono il centro delle sue cosce. Rimasi non so quanto tempo immobile e imbambolato davanti a uno spettacolo mai visto in vita mia. La zia teneva le gambe leggermente aperte mentre leggeva e il costume in pratica le entrava nella fessura della fica lasciando intravedere uno spazio largo più o meno tre centimetri. Cominciai a fantasticare su quella vagina; immaginavo quanto dovesse essere larga con le gambe completamente aperte e come doveva essere dolce penetrarla piano piano! Tra me e me pensavo che il mio cazzo non le faceva nemmeno il solletico. I miei ...
     cugini mi chiamarono da lontano per giocare ma io volevo godermi ancora lo spettacolo e fingendo di essere stanco gli diedi la palla e tornai vicino alla zia. Mi sedetti di fronte a lei ammirando il suo buco che si apriva e chiudeva a ogni movimento. Ad un tratto mise via il giornale e mi guardò con un sorriso ironico chiedendomi: -come mai non giochi con i tuoi cugini!? Ti interessa di più la lettura!? -noo nooo mi sento un po' stanco!!! Si fece una risata porgendomi il giornale: -tieni leggi che io mi stendo un po'! Si stese sul lettino tenendo le gambe più divaricate di prima. Lo spettacolo era ancora più bello! il costume andava ancora più a fondo e nel mezzo potevo intravedere la forma tonda, come un pisello, del suo clitoride. Improvvisamente si portò la mano davanti alla fica e con un gesto furtivo e veloce spostò il costume su di un lato per poi riposizionarlo al centro.In quell'attimo vidi chiaramente le sue labbra dondolare mentre uscivano fuori dal costume ma mi arrapò il fatto che non c'era nemmeno un singolo pelo! Me la immaginavo mentre col rasoio si depilava a gambe aperte!!!!Wow......che libidine!!! Alzò di scatto la testa e mi fissò negli occhi e notò che in quell'attimo ero arrossito! Forse aveva capito tutto ma con aria serena mi chiese di portarle un bicchier d'acqua. Mentre beveva mi disse sotto voce: -vai a posare il bicchiere e seguimi in cabina. Appena entrai mi diede uno schiaffetto sulla guancia e disse: -lo so porcello cosa stavi guardando in spiaggia! ...
«12»