1. Buongiorno mio sogno proibito


    Data: 08/02/2019, Categorie: Tradimenti Autore: aletrain, Fonte: Annunci69

    Oh Tesoro ... cosa mi fai? devo raccontarti subito, ti ho sognata. Avevamo appena finito di fare sesso nel letto di un hotel a Genova. La passione vera. Io sopra di te con dolcezza e lentezza. Con lunghi baci e giochi di lingua sulle labbra. Infiniti baci fino a quando i tuoi occhi si accendono con i riflessi della goduria. Mi alzo da te. Restando sempre nella casa ti sollevo le gambe e inizio a muovermi dentro di te sempre più velocemente. Ansimavi e ti pompavo più forte mentre mi urlavi di sbatterti sempre più forte mentre allungavi il collo cercando di avvicinarti. Abbiamo goduto scambiandoci il nostro piacere dentro la casa. Unione di sapori e passione. Il sogno era così vero che ti sentivo il cuore mentre stavamo abbracciati esausti.<!-- /1013617/Annunci_300x250 --> googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1493738170950-0'); }); Fermi a guardarci strani ma felici. Immobili tranne il tuo collo che continuava ad irrigidirsi. Potevo non pensare a toglierti la tensione anche nel sogno? Stavi stesa a pancia in giù. Testa appoggiata sul tuo cuscino più morbido. Rilassata sotto le mie mani che ti massaggiavano il collo e la parte alta della schiena. Prima mani nude e poi impastate di burro per meglio scivolare sulla tua pelle. Sui tuoi muscoli che desideravano rilassarsi. Per provocarti a non muovere il collo, con un cubetto di ghiaccio dipingevo uno slalom tra le vertebre della tua colonna con i nervi del piacere. Il gioco stava nell'obbligo di stare ...
     ferma mentre i brividi si muovevano veloci come saette in una notte di tempesta. Esplosione di calore del fulmine che cade a terra, la mia lingua che dal collo scendeva fino alle cosce lasciando una sottile patina di saliva nell'incavo delle tue chiappe che adoro. Leccavo l'interno della tua coscia destra salendo fino alle labbra del tuo piacere. Sentivo muoverti, inarcare il bacino, invitarmi. Poco prima del tuo culmine che anticipa l'estasi sono salito con la lingua fino al buchetto roseo. Ci disegnavo cerchi lasciando ad ogni giro una goccia di saliva nel suo piccolo cratere. Nel silenzio della notte, un tuo sussurro. "Ci sto, è tutto e solo tuo" La lingua lasciava il posto alle dita ancora unte di burro. Massaggi di preparazione al piacere più intimo. Un dito, poi due. E poi tre per rendere sempre più elastico il muscolo. Il tuo bacino è tutto un muoversi, un terremoto. Scosse in ogni direzione. In su, di giù e di lato. Sinistra e destra. Ti invito ad alzarlo. A stare sulle ginocchia con le mani che stringono il cuscino dove ora si appoggia solo la fronte del tuo viso meraviglioso. Senti colpetti sulle chiappe, è il cucchiaio di legno da cucina che scende sulla tua pelle ad anticipare il leggero dolore che arriverà. Ascolti con i sensi ben svegli il freddo del pezzo di burro che massaggia il tuo muscolo circolare e poi il caldo della punta del mio vulcano che si appoggia lentamente. Penetra poco, fino all'incrocio della pelle. Restò fermo così. Ti abitui. "Prendimi!" Entro ...
«12»