1. La foto rivelatrice


    Data: 09/02/2019, Categorie: Incesti, Orge, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Sabrina posò il telefonino sul tavolo accanto a sé e si accese una sigaretta.Tirò un paio di boccate guardandolo con diffidenza, quasi fosse una bestia pericolosa pronta a saltarle addosso, quindi lo prese nuovamente.Lo tenne in mano facendo in modo che le sue dita non toccassero lo schermo, pervasa da un pudore irrazionale.Sullo schermo del telefonino, che apparteneva al figlio, c'era una foto di un organo genitale maschile, ma non era solo quello.Quell'organo era senza dubbio quello del figlio, reso riconoscibile da un neo a forma di stella che il ragazzo arriva sull'inguine e che la madre conosceva fin dalla sua nascita.Sabrina posò nuovamente il telefono e si rese conto che, non fosse stato per quel particolare, non sarebbe stata in grado di riconoscere il pene del figlio.E come avrebbe potuto?Da quando il ragazzo era entrato nell'adolescenza aveva cambiato atteggiamento nei confronti della madre.Era comprensibile, per questo Sabrina non gli faceva una colpa e sapeva, dal confronto con altre madri, essere un atteggiamento normale, ma realizzò in quel momento che, nella sua testa, suo figlio Francesco aveva ancora il pisellino piccolo di quando era un neonato.E invece no, assolutamente no.La donna sorrise ricordando una battuta che aveva sentito qualche anno prima, quella secondo la quale i maschi ereditano il pene da parte del padre.Ebbene, non era sicuramente il caso di suo figlio.Il marito – o meglio, l'ex marito di Sabrina - era un uomo generoso e di compagnia, ma le ... dimensioni dei genitali non erano mai stati tra i suoi punti di forza.Il figlio, a quanto pareva, sembrava aver sviluppato una deviazione del DNA paterno.Sabrina spense la sigaretta e pensò alle combinazioni della vita.Il figlio era a giocare a calcetto e, quando aveva notato il telefonino sul comodino, aveva pensato di andare a cercare le foto del suo trentacinquesimo compleanno, caduto un mese prima e che lei non aveva ancora visto.Francesco era sempre molto geloso del suo telefono e non se ne staccava mai; in quel momento l'aveva lasciato a casa solamente perché, in ritardo, probabilmente non si era accorto di non averlo con sè.E così la donna aveva aperto la cartella delle foto e aveva cercato quella del compleanno.Doveva rendere atto al figlio di non aver tentato di nascondere nulla, avendo intitolato la cartella incriminata con un "Cazzi miei".La madre non aveva colto che il nome della cartella dovesse essere inteso in senso letterale e l'aveva aperta, pensando di trovare le foto che il figlio non voleva che lei vedesse.Foto con delle ragazze, aveva immaginato.Si era spesso chiesta se Francesco ne frequentasse, se stesse con qualcuna, ed era rimasta di sasso quando aveva visto che la prima foto ritraeva il suo organo riproduttivo.Sapeva che ce ne erano altre perchè ne aveva visto le anteprima, ma non aveva ancora avuto il coraggio di consultarle.Appoggiò il pollice sul bordo dell'immagine in maniera tale da non toccare il pene, in una sorta di pudicizia digitale, e passò ...
«1234»