1. La mia prima gang band (racconto di fantasia)


    Data: 11/02/2019, Categorie: Orge, Autore: disinibita_bbw, Fonte: Annunci69

    quella posizione. Ero ben ferma, non riuscivo a muovermi. E questo mi fece inondare la fregna, ero talmente bagnata che colavo. Qualcuno si mise sul letto in mezzo alle mie gambe e allargò con forza le labbra, lasciando esposto al massimo il clitoride, per fortuna mi ero completamente depilata questo aiutava a sentire tutto al massimo del piacere. Una bocca calda si getto sul mio sesso leccando e succhiando, io non resistevo più, mugolavo di piacere, stava facendo esattamente come avevo detto che mi piaceva, allargandola con forza; io cercavo di muovermi ma non ci riuscivo così legata, e questo non faceva che accrescere il mio piacere. Volevo urlare dal piacere, ma non potevo farlo, avevo sempre un cazzo nuovo in bocca non avevo un attimo di pace, e i miei capezzoli erano durissimi chi li succhiava da una parte e chi dall’altra, ero talmente eccitata che alla fine non riuscii più a trattenermi e venni in un fragoroso orgasmo. Quello che avevo avuto il giorno del nostro incontro al bar che avevo reputato il migliore in assoluto era nulla in confronto a quello che avevo avuto in quel momento. Chiunque fosse lì sotto stacco la bocca, gli avevo detto che dopo che ero venuta non mi piaceva che si continuasse a toccarmi il clitoride perché troppo sensibile, e mi incominciò a mettere le dita dentro di me, ne entrarono tre, ero così bagnata che scivolarono dentro senza fatica, mi allargava sempre di più e mi preparava a tutti i loro menbri che sarebbero entrati a turno in me. ... Qualcuno mi slacciò le gambe e le posizionò sopra le sue spalle e mi penetrò, io avevo pensato che fossi abbastanza allargata lì ma non era così, mi sentii riempire tutta, all’inizio ci andò piano, ma poi incominciò a spingere sempre più forte, ed io cercavo di seguire il ritmo muovendo il bacino e andandogli incontro. Non venne, si sfilò e fece accomodare un altro che si mise nelle stessa posizione e mi prese con foga, e dopo lui ce ne furono altri che mi prendevano e spingevano dentro i loro cazzi, io non facevo altro che fare pompini e venire, avevo avuto talmente tanti orgasmi che avevo perso il conto. Quando ormai tutti mi aveva posseduta in quella posizione, ci prendemmo un attimo di pausa. Mi sciolsero anche le braccia, e ci facemmo un po’ di coccole, baciandoci e accarezzandoci, ma la voglia per tutti c’era ancora, quindi mi misero a pecorina, e mi ritrovai con qualcuno che me lo infilava da dietro e pompava come un pazzo e un bel cazzone in bocca che mi scopava davanti; ed anche in quella posizione c’era sempre un cambio di persone, appena qualcuno stava per venire si toglieva e faceva entrare qualcun altro, questo perché volevano venire tutti insieme alla fine. Quando ormai eravamo tutti sfiniti, ci fermammo. Mi tolsero la mascherina, era bello finalmente vederci e mi fecero sedere alla fine del letto. Si posizionarono davanti a me, con i piselli ritti e vogliosi, ed io, finalmente vedendoli iniziai a leccarli e succhiarli uno alla volta mentre con le mani segavo gli altri ...