1. La prima volta tutto dentro


    Data: 11/02/2019, Categorie: Gay / Bisex, Autore: gianfrancesco, Fonte: Annunci69

    Da un po di tempo in qua le attenzioni verso cazzi e culi di uomini si erano accentuati. Tornando indietro nel tempo per incontrarsi con qualcuno, tra uomini, era molto più difficile e si ricorreva agli annunci con lettere al Fermo posta negli uffici postali. Nel tempo avevo incontrato un paio di uomini più grandi di me. Ci si vedeva e poi a casa loro ci si incontrava. Sempre in un ruolo da attivo mi piaceva farmi spompinare e qualche rara volta fotterli. Passano gli anni ed arrivando alla soglia dei sessant'anni mi comincia a prudere il culo e comincia la mia fantasia di farmi inculare. Dopo essermi scritto con tante persone trovo uno con cui ci scambiamo parecchi messaggi Il tono di volta in volta si fa sempre più interessante ed fa aumentare sempre più la voglia di conosceri. Così un bel giorno ci diamo appuntamento a casa sua. I giorno precedenti l'incontro sono giorni combattuti per la paura di conoscere una persona e soprattutto per la paura e contemporaneamente anche la voglia di fare quello che desideravo. Nel giorno stabilito vado ad incontrare questa persona sempre timoroso di trovare una persona giusta. Seguendo l'indicazione della via vado in una zona della città non molto nota anzi tuttaltro per essere una zona malfamata. Arrivo nel palazzo indicatomi e ad dare un quadro della zona, trovo delle belle signorine, che in pieno giorno,vendevano la loro mercanzia non sapendo però che io in quel momento cercavo dell'altro. Palazzo senza ascensore quindi tanti bei ... gradini e finalmente davanti al portone di casa. Un bel sospiro e poi suono. Mi viene ad aprire un bell'uomo più giovane di me con una faccia da autentico birbante. Mi accoglie simpaticamente e mi mette a proprio mio agio. Cominciamo a parlare del più e del meno ed io timido per natura sempre sulle mie. Quello che poi sarebbe diventato il mio amico era vestito con paio di boxer ed una maglietta. Comincia a mettermi una mano sulla mia coscia e poi piano piano si avvicina al mio cazzo che al calore della sua mano aveva cominciato ad indurirsi. Poi con l'altra mano mi slanciata la cintura dei pantaloni e li fa cadere per terra. Ora l'eccitazione è aumentata e lui infila le sue mani dentro le mutande e comincia ad accarezzarmi il cazzo che apprezza e diventa di marmo. Passato tutto l'imbarazzo cominciamo a spogliarsi del tutto e lui ha un cazzo di tutto rispetto e già in tiro. Le sue mani sembrano dei polipi. Mi accarezza dappertutto e comincia a baciarmi prima sui capezzoli e poi lentamente scende verso il basso. Arriva verso il cazzo e comincia con la sua lingua pungente a frugare dappertutto. Prende i coglioni in bocca uno ad uno ed infine comincia a leccarmi il cazzo con maestria da vero pompinaro. A questo punto senza ormai nessun freno ci continuiamo a baciare dappertutto ed anche io per la prima volta metto in cazzo in bocca. Non era una cosa esaltante per me ma mi piaceva abbastanza. Tutto questo era avvenuto su un divano di entrata. Il mio amico, che mi aveva detto chiamarsi ...
«12»