1. La cugina di terzo grado. La vacanza. 19ª parte.


    Data: 11/02/2019, Categorie: Incesti, Autore: Maurizio, Fonte: EroticiRacconti

    La cugina di terzo grado. La vacanza. 19ª parte. Fu una doccia breve, ci rimanemmo 10 minuti al massimo, poi una volta fuori dal bagno ancora bagnata si infilò la canotta, io gli stavo passando i mini pantaloncini, quando lei mi disse infilameli tu, e io lo feci, appena prima di tirarglieli su del tutto le diedi tre bacini appena sopra la fica, essendo io ancora nudo, lei contraccambio dandomene uno sul petto e uno sull'uccello. Poi con molta attenzione dal balcone rientrò in camera. Io già pronto di tutto punto, indossavo una camicia bianca a maniche corte, i jeans lunghi e scarpe eleganti e assieme ai suoi genitori la aspettavamo per cenare nel salotto dell'hall. Stufi di aspettare Michela e Carlo andarono a sedersi al tavolo lasciando me li. La vidi arrivare era stupenda, indossava un vestitino leggero verde smeraldo con spalline sottili che ricorda un prendisole anni cinquanta che le copriva le cosce ma che le lasciava in vista le il resto delle gambe, la pochette abbinata, e scarpe anche loro abbinate con tacco medio, sulle labbra un rossetto di colore rosa, ne tenue ma neanche scuro, (una via di mezzo) che ricorda quello del fiore geranio, al collo aveva la collana col ciondolo che gli comprai, il suo corpo emanava una fragranza di cannella che accese tutti i miei sensi sia quelli olfattivi sia quelli ormonali. A fine cena ci concediamo un caffè al ... bar li vicino, si chiacchierava e suo padre disse: domani noi ci dobbiamo alzare presto e che loro rientravano presto in via della visita a l'acquario di Genova. Dopo averli salutati, e augurato loro di passare una bella giornata all'acquario, io e Cinzia girato l'angolo mano nella mano ci avviammo al solito pub. Ci sedemmo e ordinammo io un Cuba libre, lei un Mojito. Di consueto assieme al Cuba libre e al Mojito ci portarono vari stuzzichini, erano passate da poco le 22 e ci concedemmo un secondo giro identico. Intanto tra scambi di baci si parla di cosa fare domani. I rintocchi del campanile segnavano le 23, così decidemmo di fare una passeggiata sul lungomare tenendoci per mano come dei fidanzati. Nel ritorno in albergo eravamo passati dalla spiaggia dato che le scarpe iniziavano a darle fastidio, sulla sabbia della spiaggia ebbe sollievo, pure io mi tolsi scarpe, con le scarpe in una mano, e tenendoci per mano passo dopo passo eccoci. Rientrammo in albergo che era appena passata la mezzanotte e mezza, salimmo le scale senza far rumore, giunti in corridoio avevamo difronte le porte delle camere, tanto una valeva l'altra, così entrammo nella sua senza dover passare dal balcone. Con il ventilatore acceso la camera era bella fresca, Cinzia si avvicinò alla portafinestra aprì le tende e abbassò la tapparella, io nel frattempo accesi la TV. ...continua...
«1»