1. Tibe e Luka in crociera


    Data: 24/02/2019, Categorie: Comici Autore: Tibet, Fonte: EroticiRacconti

    Quando rientra tutto trafelato e urlante quasi mi manda in scompenso cardiaco, ma che bisogno c'è di urlare così? -Tibe... Tibe... HO VINTO! Era ora... penso! Stai risolvendo tu da solo il problema debito del paese (paese volutamente scritto minuscolo) e difronte alle migliaia di euro dilapidati cosa mai avrai vinto? Ci vogliamo rovinare? Cinquanta euro? Cento? Devo avere pazienza, è giovane il ragazzo. E lo guardo comprensivo. Ora... sono al corrente delle chiacchiere che girano ma voglio precisare una volta per tutte. Io e Luka non siamo amanti, anzi non siamo neanche fidanzati, siamo amici... capito?? AMICI. Quella che allude chiedendomi come sta il mio fidanzatino è solo invidiosa del nostro rapporto. Sbava. Ci vorrebbe! Ha già articolato composizioni assurde, lei... il suo uomo e noi! Ma certo che ci piacciono le donne! Ma vogliamo difenderci da loro! Voi non potete sapere quanto è comoda una situazione così! Con noi le donne non parlano mai di legami, complicazioni, odissee matrimoniali. Senza mai chiedere presumono un diverso orientamento sessuale e ciò le attira... oh si...! Le attira come api il polline dei fiori. Qualche problema di convivenza c'è, non lo si nega. Siamo ambedue disordinati, però volete mettere? Dividiamo l'affitto, tutte le spese, il colf a tempo pieno (si... è un uomo, dovevamo restare fedeli alla nostra immagine, però... è rigorosamente filippino, senza permesso di soggiorno e lo paghiamo in nero! Stiamo molto attenti a questi dettagli!), ...
     insomma... dicevo qualche problema c'è. Sul sesso, eh... si. Ora vi dirò una cosa. A me riesce facile rimorchiare, sarà che conosco i posti giusti dove le femmine con le caldane vanno a raggrupparsi, sarà che un po' piaccio? Insomma raccatto. E le porto a casa... certo! Che vado in motel se ho una casa mia? Ora vi dico cosa succede per farvi capire, io e la signora entriamo, ci accomodiamo sul divano tigrato che abbiamo in soggiorno davanti al maxi TV... e iniziamo il nostro giocare. Oh... non è che rimando troppo il momento, ha subito la mia mano fra le cosce lisce come raso e sto mangiando con avidità la sua bocca, magari le succhio quella lingua camaleontica che ha... insomma stiamo per cominciare il ballo. Capite? E lui? Luka? Non esce dalla sua stanza? Si ferma subito dopo e mostra un'aria di sbigottimento. Due occhi sbarrati così! -Ops... scusa Tibe... non sapevo che avevi compagnia... Coglione! E si che lo sai! Ci hai sentito parlare e magari hai origliato! Ora di solito la donna non fa una piega. Perché dovrebbe imbarazzarsi? E' venuta per scopare e non per parlare della migrazione delle balene azzurre! Bene! Ora torna nella tua stanza, no? Macché... indugia. E allora... al solito faccio la domanda di rito alla signora o signorina in questione... -Lui è Luka... che dici se lo facciamo restare e partecipare? Beh... credeteci, nove volte su dieci a quel fetente gli va bene e nasce una cosa a triplete. Ma cazzo... uscire e andartene a trovare tu le donne? No, vero? Quella che ...
«123»