1. Triangolo rettangolo (prima puntata)


    Data: 01/03/2019, Categorie: Trans Autore: porcupine, Fonte: Annunci69

    Qualche anno fa presi casa al mare. Una piccola villetta a ridosso della spiaggia nel tratto del litorale adriatico noto come la "costa dei trabocchi". Le mie giornate scorrevano tranquille, la mattina scendevo in spiaggia a prendere il sole, poi il bagno rinfrescante. Nel pomeriggio un piccolo riposino rilassante per poi tornare al mare. L'occasione mi era propizia per mostrarmi nel mio vero aspetto femminile. Era un diluvio di costumi a due pezzi succinti, leggerissimi prendisole, e cappelli a falde larghe. Non mancavano incontri con maschi che non lesinavano complimenti per avermi. Ad alcuni di loro mi sono anche concessa ma senza molta passione ne tantomeno convinzione. Sono i classici giochi delle parti in cui il sesso ha uil sopravvento su tutto. Ricordo ancora il giorno in cui mi chiamò Michele. Era questo un cugino lontano che avevo frequentato in età adolescenziale. Lui sapeva della mia vera sessualità ed era a conoscenza della cura di ormoni che stavo seguendo per completare la mia transizione, - Ciao come va - tutto bene e tu è da tanto che non ci vediamo - si vivo negli USA adesso sono a Dallas perchè alvoro per una società di ricerche petrolifere - davvero che bello verrò a trovarti allora - sbagliato - perchè sbagliato risposi sbigottita - perchè sono io che verrò da te, sono in Italia e in questo momento dalle parti di Ancona - che bello risposi sincera - sarò da te tra tre ore circa chiusi la telefonata un pò allibita.<!-- /1013617/Annunci_300x250 --> ...
     googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1493738170950-0'); }); Tra tre ore? Devo sbrigarmi a fare tutto: rassettare casa e cercare di darmi una sistemata. Michele era un bel ragazzo, alto e dalle spalle larghe. Viso squadrato e occhietti furbi. Non ho avuto mai alcuna relazione con lui e non mi interessava averne . Era un buon amico. Mi diedi da fare con solerzia ed in capo a un paio d'ora la casa era a posto ed io ero davanti allo specchio con il rossetto in mano a cercare di darmi una sistemata. Avevo deciso di non presentarmi in costume da bagno e prendisole, ma con un piccolo top bianco dalla scollatura abbondante ed una mini nera. Capelli raccolti dietro la nuca. Semplice e sportiva. Dopo un pò sento il campnello.E' lui. Apro. Davanti a me Michele con un altro ragazzo - ciao fa lui - ciao Michele, bello vederti lui mi squadra - sei davvero molto bella complimenti - anche tu non scherzi - ah, scusami non ti ho presentato Gianni. Un mio amico che mi accompagna in questa rentree Gianni era un pò più basso di Michele, capelli neri corti, petto in fuori e fisico tozzo. Una sorta di roccia. - ciao mi fa faccio un cenno con il capo accompagnato da un largo sorriso - entrate. Dopo un veloce brindisi di benvenuti, si dettetro una veloce lavata e uscimmo per una passeggiata sulla spiaggia. L'occasione per riandare indietro nel tempo, e ricordare di giochi passati, di risate, divertimento, e persone che ormai non cui sono più. A sera inoltrata decidemmo di andare a ...
«12»