1. Si può fare 1


    Data: 11/03/2019, Categorie: Dominazione Autore: OnlyM, Fonte: EroticiRacconti

    Dopo aver riposto l'ultimo faldone nell'archivio mi dirigo in bagno per prepararmi ad abbandonare l'ufficio. La porta è chiusa, dannazione! Non faccio in tempo a girare sui miei tacchi che sento la chiave girare nella toppa e una voce gutturale invitarmi ad entrare. E' la voce di Janine, l'altra segretaria del capo. Sempre che si voglia credere a quello che c'è scritto sul contratto. "Non ti preoccupare...aspetto" "Ti ho detto di entrare...troia!". La voce si fa più dura e baritonale. Non mi posso permettere di disubbidire né tantomeno di ribellarmi. E Janine lo sa bene. Entro e la trovo seduta a sul wc, con le gambe color ebano, nude e spalancate, i grossi seni esposti all'aria e strizzati dalla grossa mano leggermente nodosa, mentre l'altra sta segando il grosso cazzone nero che madre natura le ha fornito. Perché Janine è un trans brasiliano. Un bellissimo trans, per la verità...anche se molti dei suoi punti di perfezione sono dovuti all'abilità di un chirurgo europeo. Faccio giusto in tempo ad osservare che per quanto la maggior parte delle persone la confonda con una donna, quando fa sesso e soprattutto quando è vicina a godere, janine rivela molto di più la sua origine. "Fammi vedere le tette!". Ordina con gli occhi succhiusi. Con movimenti rapidi allento i bottoni necessari e sfilo contemporaneamente la camicetta e il maglioncino verde smeraldo. Come i miei occhi. Appoggio tutto sul mobiletto alle mie spalle e dopo essermi tolta il reggiseno mi avvicino alla "collega" ...
     fino ad arrivarle sul fianco sinistro. Janine tutta il viso nel mio seno e respira. "Che belle...profumate...belle...calde..." Continua a parlare mentre io le prento la testa e con un gesto materno la tengo tra le braccia contro il mio seno. In fondo non è cattiva. E poi ha ragione. Nonostante i miei poco più che quarant'anni e le due gravidanze, ho ancora un fisico eccellente e le mie tette - sode, piene e grosse al punto giusto - sono (insieme al sedere) uno dei miei vanti. La lascio leccare e succhiare senza dire nulla. Come faccio ormai da anni. Non dico nulla. Eseguo e basta. Janine viene. Fiotti di sperma bianco si depositano sulla sua pancia a ripetizione. So che le sue palle hanno una capacità produttiva esagerata ma riesce comunque a lasciarmi senza parole. Finalmente ha finito. Si lascia andare, ansimando forte. E anch'io abbandono la presa materna. Forse oggi me la sono cavata con poco. E invece no. La mano destra, lucida e bagnata di sperma si muove nella mia direzione, verso la mia bocca. La lascio entrare. Docile e remissiva. Perché non ho scelta. In un silenzio totale, interrotto da qualche mugolio e sospiro di Janine, succhio e lecco lo sperma dalla mano e dalle dita. Poi l'altra mano mi guida verso la pancia. Avanti Susy. Non sarà la prima e nemmeno l'ultima volta. Con la lingua recupero tutta la produzione lattiginosa di Janine e la ingoio. Senza altri "inviti" mi occupo anche della grossa cappella marrone chiaro. Con lo stomaco rimpinzato di sborra, lascio ...
«12»