1. Gang bang a 70 km/h. la gran troia della cassia


    Data: 14/03/2019, Categorie: Orge Autore: Ambra1985, Fonte: Annunci69

    6-30 del mattino. Piove. Sto aspettando sotto una pensilina sulla strada indicata e finalmente vedo arrivare la macchina con i miei 3 compagni di viaggio; Johnny alla guida, Alex, Dino e io Enrico completiamo questo quartetto. Siamo amici e commilitoni dal Rav, e dopo qualche anno ci siamo ritrovati tutti a Grosseto. Quella mattina durante il viaggio dovevamo recuperare anche un altro passeggero, trovato su uno di questi portali per passaggi e condivisione delle spese. Si chiamava Ally, disse Johnnny. . Mentre procedevamo da Grosseto verso Roma, si parlava del più e del meno.. Le ferie che mai arrivano, la famiglia, il matrimonio di Almo nostro commilitone e amico che faceva "l'ultimo passo da uomo libero" dopo 2 anni di fidanzamento, cosa portare chi portare e altre cose. Johnny si fermò verso Viterbo per recuperare l'ultimo ragazzo, ma alla fermata non c'era un ragazzo, ma c'era una bella ragazza di appena 25 anni, formosetta, castana, capelli lunghi e mossi, vestitino bianco corto al ginocchio, una giacca ormai fradicia e borsa da giorno in pelle nera con le borchie. Il viaggio sembrò migliorare di molto. La feci salire ed accomodare accanto a me a lato del finestrino. Il vestito corto mostrava due belle gambe morbide, Jo ogni tanto buttava l'occhio nello specchietto retrovisore, mentre Alex (che aveva fatto le sue solite storie per sedere davanti ) ogni tanto si girava verso me con una scusa o un altra per guardarla per poi girarsi davanti, quando appena lei capiva il ...
     suo intento.<!-- /1013617/Annunci_300x250 --> googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1493738170950-0'); }); Ora con mia soddisfazione personale lui rosicava. Era una ragazza spigliata, di nome Guendalina ma le piaceva il diminutivo di Ally. Iniziammo a parlare subito, quasi riuscii a monopolizzare la conversazione con lei parlando delle solite cose e in breve tempo le conseguenze sociali si fecero notare.. Tutti gli amici iniziavano a guardarmi male, spesso con piccoli sorrisi e accenni appena lei si voltava per qualche distrazione gli altri mi suggerivano o facevano allusioni al coito. Poi tra noi maschietti scattò la conversazione sul cellulare tramite w.app; Dopo qualche messaggio capii che sarebbe stato meglio per tutti se lei si fosse seduta al centro del sedile passeggero, così da poterla ammirare meglio. Aveva due gambe da sogno e averla a bordo migliorava l'umore di tutti; dopo qualche messaggio di supplica (e di minaccia) dovetti farli contenti soprattutto perché poi avrei avuto più credito con loro. Usai la scusa del mal d'auto e riuscii a convincere la bella passeggera a mettersi al posto mio. Alzandosi e chinandosi in avanti mi passò sopra e mentre io le scivolai sotto e dietro, lei strusciò su di me, porgendomi la schiena ed scivolando sul mio jeans chiedendomi "scusa". Non potei non notare che nella macchina stavamo stretti, il tetto basso non aiutava nei movimenti ma per me fu una gran bella fortuna, perché mi ritrovai un gran bel culo ...
«1234...»