1. La rossa Irlandese


    Data: 15/03/2019, Categorie: Etero Sensazioni Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Io sono Giovanni 29enne quando arrivarono i miei nuovi vicini, per i primi giorni non li vidi, di giorno lavoravo in banca e la sera in discoteca con gli amici ritornavo al mattino.Mi svegliai e andai a prendere il caffè sul balcone a torso nudo, pantaloncini corti, barba lunga e un volto distrutto, mi rilassai sulla sedia in completo relax. "Troppe serate di fila, ho bisogno di una pausa" pensai, in quel momento il rumore della porta sul balcone dei vicini e mi girai d'istinto e la vidi.Una rossa da paura di 20anni minimo in shorts, maglietta da cui potevo vedere il reggiseno e almeno un tatuaggio. Lei non mi vide mentre stendeva i vestiti ma io si, una seconda anzi una terza di seno e un culo perfetto mi fece diventare il cazzo duro. Come non si può provarci?"Buon giorno" lei mi vide"Good morning" a quelle parole dovetti accavallare le gambe, voce troppo sexy"New neighbour?" Cercai di stare calmo"Yes , my name is Kath...... call me Kate and my husband is David" quelle parole mi uccisero mentre lui usciva, un bianco tatuato.Parlammo, lei Kathleen 22 anni, lui 25, lei era una vera Irlandese DOC mentre il marito era Londinese, si erano sposati da poco e da diversi anni giravano il mondo, lui era un'ottimo DJ che gli permetteva di girare il mondo e lei lo seguiva trovandosi un lavoro o facendo niente, bella vita. Diventammo amici e uscivamo spesso in tre, io andavo da loro o loro da me, diciamo che divenne bello stare in quel condominio.Una sera rimasi a casa e stavo lavorando ...
     su alcuni documenti quando iniziai a sentire delle urla, non capivo molto ma lui diceva a lei come si permetteva di ...... a malapena capisco un Italiano ubriaco immaginate un Inglese. Mi venne l'idea di andare da loro per calmarmi ma ricordai un'episodio di quando avevo 19 anni, lei mi diede un pugno per essermi intromesso e lui più di un pugno motivo per cui in un litigo di coppia non mi intrometto più. Sentendoli continuai a lavorare finché non sentii una porta sbattuta, poco dopo qualcuno bussò alla mia porta.Alla porta "Posso entrare?" la voce di Kate in un italiano tremolanteLa feci entrare mentre la vedevo piangere a dirotto "Cosa è successo?" ormai aveva imparato un po l'italianoLa feci sedere sul divano "Is angry for....... something of stupid and we are Drunk, now we canot speak""Ok" fu l'unica cosa che mi venne in mente da dire perché solo allora mi accorsi di come era vestita: Tanga e solo una maglietta senza reggiseno.Lei mi abbracciò "Please, can i stay for the night? Here to sofa?" era un po ubriaca per non farci caso e di sicuro era meglio non farla uscire in quelle condizioni"No problem, you wanna a beer?" facendo di si con la testa gliela andai a prendere, almeno completamente ubriaca avrebbe dormito.Bevemmo diverse le birre mentre si sfogava e si tranquillizzava, lei era ormai ubriaca persa e pure io ubriaco. Ero seduto sul divano e lei accanto a me continuava a sfogarsi, leggermente più tranquilla si appoggiò su di me e misi un braccio su di lei per farle ...
«123»