1. Esperienze (gay) - 0 -Trasformazione


    Data: 15/03/2019, Categorie: Etero Gay / Bisex Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    natiche. Poi passò il suo glande tra le mie natiche e lo strofinava delicatamente col gel sul mio ano.Ebbi un brivido. Lo stavo desiderando ma avevo paura. Poi lui cominciò a pressare, forte, sempre più forte.- Nooooo! Giulio, no, no. Ah...ah...... mi fai maleeeee, fermati, mi fa maleeee. E' troppo grosso. Ti prego, ti prego non farmelo, mi fa male. Vienimi solo tra le cosce.Ma oramai non potevo più fermarlo. Diede un forte colpo di reni. Sobbalzai dal dolore e gridai.- Così no, no, nooooo, me lo rompi. Ti prego, no. Ahiaaaaa. Giulio non essere crudele. Mi fai maleeee, non può entrare, è troppo grosso.- Te lo farò entrare tutto, adesso devi farlo.Non potevo muovermi, avevo le gambe bloccate e lui mi teneva per le caviglie. Diede un altro colpo violento, sentii dolore, piangevo, ma lui spinse ancora.- No, no,ti prego. Mi fa maleeee. Giulio fermati. Noo, non spingereee, fa maleeeee. Non voglio che mi rompi il culo, non farmelo.Lui diede un altro violento colpo di reni e poi un altro ancora. Allora mi sentii lacerare, il bruciore infuocato di una ferita all'ano, mi torcevo sotto di lui, mi veniva da piangere.Sapevo che mi stava sverginando, che aveva forzato il mio sfintere, lo aveva rotto, lacerato. Lui continuava, spingeva e colpiva senza fermarsi, senza pietà e sentivo il suo cazzo che slargava il mio sfintere, lo tendeva fino a lacerarlo per entrare di forza nel mio corpo, colpo dopo colpo, con violenza. Ero stordito dal dolore, sentii il suo cazzo toccarmi nelle viscere. ...
     Lo stava facendo entrare tutto, voleva metterlo tutto dentro il mio corpo e continuava a sbattermi con accanimento, a chiavarmi di forza nonostante i miei lamenti, per vincere la resistenza della mia carne.- Ti prego, fermati, fai piaaaano, fai piano, piano.Ma quel dolore, poco per volta, si attenuò, come se il mio culo avesse accettato la penetrazione. Sentivo che mi era piaciuto da morire che lui mi avesse costretto a farmi inculare e sentivo il mio cazzo che ricominciava a diventare duro. Mi piaceva, mi dava dolore ma mi piaceva e mi piaceva sentire lui che si godeva il mio corpo, la sua soddisfazione di avermi forzato, mi piaceva sentire la grandezza del suo cazzo dentro di me quando entrava ed allargava.- Adesso ti voglio venire dentro, come se il tuo culetto fosse la fica di una ragazza. Ti farò sentire il getto caldo del mio sperma nel tuo corpo. Lo vuoi? Lo so che lo stai aspettando.- Mi fa male, Giulio, mi brucia. Ah, ....ahia, ah.... fai presto, vieni presto, non resisto..... ahaaaaaaaaa .....si,si, fammi quello che vuoi, entrami tutto, vienimi dentro. Non mi importa più se me lo hai rotto, chiavami come vuoi, ma fai più piano, mi brucia. Te l'ho fatto mettere tutto, come volevi tu, ma fa piano.MI faceva soffrire ma mi piaceva; volevo sentirlo mentre veniva dentro di me.- Si, si,Giulio, si. Vieni, vienimi nel culo. Fammelo sentire. Tutto. Spingimelo tutto dentro mentre vieni. Mi piace sentirti venire come l'altra volta. Mi piace il tuo sperma, fammelo sentire..Quando ...
«1...3456»