1. La mungitura


    Data: 18/03/2019, Categorie: etero Autore: enzoracc, Fonte: EroticiRacconti

    Riunione di lavoro finita tardi, rientro affamato in hotel. Non ho voglia di altro caos al ristorante per cui chiamo dalla camera per farmi portare qualcosa da mangiare, e nel frattempo doccia rilassante. Il servizio arriva in camera con rapidità, devo prendere al volo un asciugamano al girovita per aprire, a sorpresa è una donna: dalla sua gonna blu di lavoro spuntano un bel paio di gambe ed anche di petto è messa bene, temo per un imbarazzante erezione sotto l’asciugamano. Posa il tutto sul tavolo liberando il carrello, poi si volta. «Non manca nulla di quanto richiesto, serve altro?» Sorride in attesa mentre i suoi occhi sono puntati sul mio petto nudo, ora che si è voltata apprezzo anche la scollatura della sua divisa, e sorrido io «per ora no… dovrei ordinare più spesso il servizio in camera» «beh dipende, tra poco sono le 22 e dopo lo avrebbe consegnato il collega Marco, ma in questo caso sono felice di averlo fatto io» Nel dire ciò mi accorgo che ha gli occhi fissi sulla protuberanza dell’asciugamano per l’erezione ormai evidente «devo portare giù il carrello, ma vedo che manca il caffè: se è stata una dimenticanza, lo porto dopo la fine del servizio» «vero, me ne ero dimenticato, grazie per la cortesia» La fame mi porta all’assalto della cena, e quando lei ritorna per portare il caffè, mi accorgo che sono rimasto ancora con l’asciugamano al girovita. Lei ora fuori servizio si è cambiata: ballerine, gonna corta e t shirt, ma anche noto una fede al dito. «Grazie per ...
     essere ritornata, gentilissima, domani segnalerò al Direttore la cortesia del Servizio. Ma sei sposata?» «si e anche mamma» Si leva la t-shirt ed un reggiseno da allattamento, le sue tette da mamma aumentano ancora di più l’eccitazione «belle vero? Non preoccuparti, a mio marito non piacciono più. Il piccolo è ormai quasi autonomo ma al mattino vuole ancora qualcosa da me» Non resisto a non palparle e nel farlo ad un certo punto mi trovo uno schizzo del suo latte in faccia, nel momento di imbarazzo lei mi sfila l’asciugamano e lascia cadere la sua gonna, sotto è nuda. «anche noi donne abbiamo le nostre esigenze» dice prima di abbassarsi a succhiarmi ll cazzo, un leggero fastidio ai testicoli segnala che ormai sono pieno di sperma: la metto a pecorina e non ci vuole molto a penetrare nel suo sesso bagnato e caldo, che mi svuoto dentro di lei. Ma lei non ha ancora goduto, per cui continuo a stimolarla con le dita, e quando sono entrato anche con tutta la mano lei esplode gemendo inequivocabilmente per essere venuta. Poi mi bacia e mi abbraccia soddisfatta. «Fantastico! Ho solo le tette che mi danno un po’ fastidio ma perché sono piene di latte, ti va di prendere un bicchiere in bagno e bere un po’ di latte di mamma?» «Beh… l’idea mi piace… ma non è dolce» «no, ma sul tavolo con il caffè hai ancora zucchero» Porgo a lei il bicchiere, ma vuole che sia io a farlo: si mette sul tavolo a pecorina con le tette penzolanti e dietro sue istruzioni premo una tetta per volta con il latte che ...
«12»