1. Sguardo abbassato


    Data: 06/04/2019, Categorie: Tradimenti Autore: cpbisex1965, Fonte: Annunci69

    SGUARDO ABBASSATO di Scrittore Eros (saldeco) Delle volte ci incontravamo sul pianerottolo di casa. Buongiorno, buonasera, null’altro. Ma quella donna venticinquenne, con il marito più o meno della stessa età, aveva qualcosa di conturbante. Sembrava avesse molti anni di meno di quelli che aveva, quasi una diciottenne. Piccola, sul metro e cinquanta. Capelli corti a caschetto neri. Viso ovale, nasino piccolo, occhi grandi e neri. Una terza di seno, un culetto sporgente veramente eccitante. I due erano venuti ad abitare nel palazzo da poco, appena sposati. Ogni tanto la vedevo anche stendere i panni sul balcone della cucina, di fronte alla mia. Rimanevo li a spiarla dietro le tapparelle abbassate. Indossava sempre dei pantaloncini corti molto aderenti, come le magliette che mettevano in risalto sia il seno che il culetto.<!-- /1013617/Annunci_300x250 --> googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1493738170950-0'); }); Come dicevo quelle rare volte che ci incontravamo io cercavo il suo sguardo ma lei abbassava sempre la testa, quasi imbarazzata. Delle volte vedevo il suo volto arrossarsi. A me piaceva quel suo atteggiamento. Mi piaceva metterla in difficoltà. Mi piaceva dalla parte dei miei cinquant’anni crearle difficoltà. Un giorno tornando a casa mi capitò di incontrarla vicino all’ascensore. Anche lei stava per salire. Ci scambiammo solo uno sguardo. Io sorrisi, lei abbassò la testa. Entrammo nel piccolo antro e subito nel silenzio, rotto solo dal rumore ...
     sommesso dell’ascensore, sentii addosso una tensione. Eravamo uno di fronte all’altro. Io la guardavo da capi a piedi. Portava un vestitino estivo che le arrivava sopra le ginocchia. Una piccola scollatura faceva intravedere l’inizio dei seni. In quei pochissimi metri quadrati il silenzio e la tensione si tagliava. Avrei voluto bloccarla vicino alla parete. Toccarla, frugarla ovunque ma desistetti. Non perché avessi paura ma solo perché volevo farla cuocere nel suo “brodo”. Volevo imbarazzarla all’ennesima potenza. La breve corsa verso il nostro piano finì, e dopo averla fatta uscire, ognuno ritornò nelle propria casa. Dopo due giorni si ripresentò la stessa scena. Era verso mezzogiorno. La vidi con delle buste della spesa. Mi avvicinai in silenzio. Le ero alle spalle. Indossava un pantacollant azzurro che le aderiva perfettamente al culo ed aveva inoltre una maglietta corta che le lasciava scoperta la parte bassa della schiena. Si girò di scatto, quasi impaurita dal sentire un’altra presenza. Io senza dire una parola la guardai fisso negli occhi, con una intensità tale che lei, questa volta non abbassò lo sguardo, ma rimase fissa con i suoi occhi sgranati incapace di muovere qualsiasi parte del corpo. Volevo scavargli l’anima. Entrarle dentro solo con lo sguardo. Il brevissimo momento magico fu interrotto dall’arrivo dell’ascensore. Le porte si aprirono ed entrammo. Appena entrammo lei fui dietro e senza pensarci due volte allungai la mano verso l’alto e facendomi coraggio ...
«12»