1. Samantha e Marco


    Data: 14/04/2019, Categorie: Etero Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Samantha non sapeva come fare.Non aveva molta esperienza con i ragazzi, l'unico con cui era stata fidanzata era stato anche il primo con cui era andata a letto, ma senza grande soddisfazione e senza grandi emozioni.Ma ora, con Marco, era diverso. Si sentiva attratta come mai prima, ma non sapeva come farglielo capire. Quante notti, sola nel letto, aveva pensato a lui... pensieri non proprio innocenti.Avrebbe voluto toccarlo, baciarlo, accarezzarlo e sentirlo contro il suo corpo... dentro il suo corpo.Ma lui era troppo timido, e forse non era mai stato con una donna. Doveva essere delicata, ma decisa. Doveva farcela, sperando che lui non l'avrebbe rifiutata.Samantha sapeva di non essere brutta e di avere qualche buon argomento. Una buona terza di seno, belle gambe affusolate, snella e con rossi capelli mossi che arrivavano alle spalle.Ma si chiedeva quale fosse il tipo di donna che piaceva a Marco. Lei era vivace e allegra, ma forse lui preferiva le ragazze più tranquille, come lui.Decise di provare, doveva farlo.All'università gli sorrise quando lo incontrò. "Ehi Marco, come va?" "Uhm, bene, non c'è male" rispose lui laconico. "Stasera al cinema c'è un bel film iraniano, ma nessuno vuole venire con me..." dissa Samantha imbronciata."Ah, mi chiedo perchè..." rispose Marco ironico. "Dai, non prendermi in giro... Tu sei la mia ultima possibilità" disse Samantha ridendo "Ti prego, mi accompagni? Vedrai che ti piacerà, prometto!" continuò. Marco accettò, tanto quella sera, come ...
     sempre, non aveva impegni.Alle 20 si incontrarono davanti al cinema, comprarono il biglietto ed entrarono nella sala. "Uhm, poca gente", osservò Marco. La sala era in effetti quasi vuota. Solo alcuni posti nella file centrali erano occupati."Vieni, sediamoci in ultima fila, non mi piace stare troppo vicina allo schermo", disse Samantha conducendo Marco in fondo alla sala. Si sedettero nell'ultima fila, dalla parte del muro dal lato opposto all'entrata.Quando la sala si oscurò, era ancora semi-vuota. Tra di loro e le prime persone sedute c'erano tre file vuote. Il film iniziò ed era, come previsto, di una noia mortale, ma Marco pensò che doveva aspettarselo, questo era il genere di film che piaceva a Samantha.Eppure non poteva fare a meno di sentirsi contento che lei l'avesse invitato. Era innegabilmente bella e anche quel mattino aveva dovuto sforzarsi di non guardarle troppo il seno, che risaltava sotto la maglietta.Se fosse stato meno timido e inesperto, forse avrebbe tentato di... ma no, era troppo per lui, che non aveva mai provato il tocco di una donna. Non avrebbe mai avuto il coraggio.Samantha stava cercando di farsi coraggio. Voleva, doveva toccarlo. Gli mise una mano su una gamba e gli sussurrò:" Ehi, non dormire eh! Ti controllo!".Marco sussultò, anche se non stava dormendo ma pensando alla ragazza accanto a lui. Il tocco della sua mano sulla stoffa dei pantaloni gli diede una scossa."No no, non ti preoccupare Samantha, resisto". "Ah bene, ma se vedo che stai cedendo ...
«123»