1. Samantha e Marco


    Data: 14/04/2019, Categorie: Etero Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    totale, ma la luce dello schermo bastava per intuire le forme.... Si sentiva paralizzato, prigioniero delle dita di Samantha, che accarezzavano senza sosta la sua virilità.Samantha ansimava, cercando di non gemere. Affondò il viso nei capelli di Marco, poi riprese fiato e guardò il grosso pene del ragazzo nella sua mano che lo massaggiava su e giù. Intuiva l'eccitazione di Marco, che aveva il respiro pesante.Passò l'indice sul glande, completamente esposto, e si accorse che era bagnato. La consapevolezza che forse Marco si stava trattenendo per non venire la fece impazzire, sentì che le sue mutande erano ormai zuppe di umori.Fermò il movimento della sua mano e si limitò ad accarezzare il glande gonfio e umido con due dita, guardando Marco, che ansimava con gli occhi chiusi. "Ti piace?" chiese sussurrando. "Samantha ti prego, non resisto..." gemette lui.Samantha sorrise, nel buio. "Non preoccuparti caro, penso a tutto io. Lasciati andare..." disse, e lo baciò. Poi si abbassò e si avvicinò all'asta pulsante e bagnata. Marco sussultò. "Che fai?" chiese. "Shhh, non parlare" rispose Samantha, appoggiando le labbra sul glande.Marco ebbe un fremito. Samantha lo sentì e, sorridendo, aprì la bocca e leccò la punta del pene, assaporandone il gusto ...
     delicato. Sentì il sospiro di Marco e capì che gli mancava poco. Ma voleva dargli piacere con la bocca, voleva berlo.Prese in bocca il glande e strinse le labbra, mentre lo stimolava con la lingua. Le sue dita ripresero un lento movimento in alto e in basso. Sentiva Marco tendersi sempre di più. Il ragazzo era infatti al limite, sentiva che non poteva più trattenersi.Samantha andava su e giù con la bocca, mentre con le dita continuava a muoversi lungo l'asta fremente. Era fantastica, Marco non aveva mai provato niente del genere. All'improvviso, dopo l'ultimo movimento verso il basso della mano di Samantha, perse il controllo.Si accorse che stava venendo, e non avrebbe potuto impedirlo. Gemette.Samantha sentì il pene di Marco diventare, se possibile, ancora pià duro. Accelerò il ritmo, e subito sentì il pene nella sua bocca pulsare violentemente, mentre il ragazzo gemeva sommessamente.Dalla punta del suo pene uscì a fiotti il suo liquido caldo, schizzando contro la lingua di Samantha, che mantenne le labbra serrate intorno all'asta e bevve tutto il suo piacere.Continuò a leccarlo per molti minuti, finché non sentì la virilità di Marco sgonfiarsi nella sua mano. Poi si voltò e gli sorrise, fissando i suoi occhi increduli."Marco, ti amo tanto" sussurrò. 
«123»