1. La cameretta nuova


    Data: 02/12/2017, Categorie: Tradimenti Autore: redikuori1970, Fonte: Annunci69

    giorno di ferie, mentre Marco aveva accompagnato i bambini a scuola per poi andare al lavoro a Milano. Prima di uscire, scelse la biancheria intima più sexy per la mogliettina e le fece vedere dove erano i preservativi, qualora avessero dovuto essere usati. Il giorno passò lentissimo per Marco, che andava continuamente con il pensiero a quello che forse stava succedendo nella loro casetta. Laura non si fece viva, questo lo preoccupava ma lo eccitava allo stesso tempo. Appena possibile, il maritino tornò a casa. Arrivò che era metà pomeriggio, i bimbi erano dal nonno quindi era possibile che li avrebbe trovati insieme. Quando parcheggiò vide un furgone, sistemato vicino al loro ingresso. Era ancora lì! Si fece prendere dall’ansia, se lei si fosse incazzata? Non aveva sempre detto che non voleva che lui la vedesse, se mai fosse successo qualcosa? Decise di ignorare queste indicazioni, lasciò l’auto a 300 metri e raggiunse casa a piedi. Con cautela aprì il cancelletto del giardino, il cane arrivò in un attimo per fargli le feste e, fortunatamente, non abbaiò troppo. Lui cercò di guardare dalla porta finestra del salotto ma, come era immaginabile, non vide nulla. La camera da dipingere era al piano di sopra, come pure quella dove eventualmente fare sesso, si disse. Entrò quindi in casa, cercando di non fare rumore. Si sentiva eccitato ma anche molto preoccupato, non sapeva quale reazione avrebbe avuto, se l’avesse “colta sul fatto”. Appena entrato sentì un forte odore di ...
     pittura fresca, evidentemente il lavoro era stato fatto. Iniziò a salire le scale, mano a mano che si avvicinava al piano superiore sentiva dei rumori provenire dalla sua camera. No, sicuramente era la sua immaginazione, figurarsi Probabilmente stava semplicemente mettendo via gli attrezzi, a lavoro concluso. Per un attimo pensò di ridiscendere e chiamare come fosse appena arrivato, ma appena prima di farlo sentì un sospiro di piacere, forte ed inequivocabile, quello di un uomo che sta per raggiungere l’orgasmo. Il cuore di Marco si fermò, la testa iniziò a girargli, una potentissima sensazione di gelosia lo travolse e solo grazie al corrimano non rotolò giù dalle scale. Pochi istanti dopo si accorse che il suo uccello era diventato grosso e duro e rimase così, come tramortito dall’emozione, a pensare a cosa fare. Riprese quindi la sua salita verso l’inferno, che somigliava sempre più ad un paradiso molto piccante. La porta era socchiusa, cercò quindi di guardare dentro facendo attenzione a non fare rumore e a non farsi vedere. Quello che vide lo devastò interiormente, provocandogli un erezione di dimensioni mai neppure immaginate. Laura, la sua fedele e casta mogliettina, aveva ceduto alle lusinghe di Carlo (e, come seppe dopo, soprattutto a quelle del proprio maritino) e stava cavalcando l’imbianchino, che da parte sua spingeva con forza il proprio cazzo dentro la ragazza eccitata. Sentì che lei gli chiedeva di “sbatterla ancora” e lui, per tutta risposta la prese per i seni, la ...