1. I segreti di silvia (parte 4)


    Data: 01/09/2017, Categorie: Tradimenti, Autore: Indalo, Fonte: Annunci69

    Col nuovo lavoro, la vita di Silvia a Ibiza cambió abbastanza. Per lo meno le abitudini dei primi 2 mesi. La cosa piú dolorsa fu rinunciare ai pomeriggio in spiaggia, ma i turni non era piú massacranti. In realtà il suo lavoro era piú vicino a addetta di callcenter che di receptionist classica, tant'é che raramente aveva a che fare con clienti, tranne qualche italiano che aveva bisogno di informazioni urgenti. Aveva nuovi colleghi e colleghe, con un rapporto piú freddo rispetto agli altri colleghi camerieri. Fernando si fece sentire due giorni dopo per invitarla a cena a casa sua. Era la conferma che non era stata solo una scopata ma che lui voleva vederla di nuovo e la cosa riempí di felicità Silvia. A voler interpretare la testolina maliziosa di lei, non era l'unica cosa di cui voleva essere riempita, ormai si era chiarita totalmente le idee sul fatto che voleva godersi questi mesi fino in fondo, senza piú limiti, solo cercando di divertirsi. Andò a casa di Fernando con un bel vestitino scuro, sempre abbastanza corto e senza reggiseno, indumento che ormai usava pochissimo. La domanda che molti si faranno ora è quanto le durarono addosso le mutandine quella sera. Poco, pochissimo, volarono via quasi tutto, non vedeva l'ora di sentire di nuovo il suo pene dentro. Lui le disse che era fuoco a letto e lei ne fu lusingata. Lo prese i varie posizioni, prima e dopo cena e lui si fece promettere che avrebbero proseguito assieme questa storia rovente di sesso. Lei non desiderava ... altro, l'asticella del desiderio cresceva vertiginosamente, se prima con Juan si accontentava di sesso orale e carezze, ora voleva solamente essere sbattuta per bene. Sentí come se fossero passati 10 anni dal primo giorno a Ibiza e si sentiva piú grande, piú matura. Pensando ai colleghi camerieri giovani e sempre pronti alla palpatina al mare, si sentiva in un altro livello. Si era fatta toccare le tette e il culetto praticamente da tutti, ma con nessuno, tranne Juan, c'era stato dell'altro, in pochissimi la avevano vista completamente nuda. Ora si sentiva diversa, piú grande, non piú per giochini scemi, ma per sfruttare il sesso con piú decisione e consapevolezza. Viveva nello stesso appartamento di prima, con le amiche Amelie e Noelia, ma il cambio di orari aveva fatto in modo che si vedessero molto meno. Una sera decisero di organizzare una festa assieme, nell'appartamento, con colleghi e amici e a lei sembrò carino partecipare, per ricordare un passato che in fondo era recentissimo. Venne anche Juan, che per sopresa di Silvia era con la sua nuova fidanzata. Pensó che erano passate poche settimane da quando avevano smesso di fare i loro giochini erotici e già si era trovato una ragazza. La cosa non le piacque per niente, non per gelosia, ma per una sorta di egocentrismo che la stava invadendo. Si salutarono freddamente, soprattutto lui imbarazzato dalla situazione, ma sempre vigile e vicino alla sua fidanzata. Certo che Silvia, consapevolmente o no, aveva una capacità ...
«1234»