1. Divisa in due 4. A caro prezzo


    Data: 04/03/2018, Categorie: Tradimenti Autore: Istrice59, Fonte: EroticiRacconti

    Le vicende matrimoniali di Gabriella non si modificarono negli anni, se non in peggio: Basilio era sempre più incattivito, non perdeva occasione per umiliarla, ma non aveva perso il desiderio di lei; stranamente e diversamente da altri uomini non aveva visto affievolirsi nel tempo l’ attrazione fisica che provava per la moglie e quindi continuava ad avere una vita sessuale piuttosto attiva. Voleva scopare spesso e lo faceva senza troppi preamboli e senza perdersi in “lungaggini da innamorati o da debosciati”. Gabriella accettava anche se, da parte sua, il desiderio era scomparso e credeva oramai di essere in prossimità della menopausa. Con Davide si ricredette presto di tutto questo: da quando avevano cominciato a donarsi piacere l’ uno con l’ altra aveva anche lei sempre voglia e ogni momento, ogni attimo, ogni occasione era buona per fare sesso; c’ era come una calamita che li faceva avvicinare e immediatamente cominciavano a baciarsi: le lingue correvano sulle labbra, i denti le mordicchiavano, e poi, ancora con la lingua, raggiungevano il palato, i denti, fino a quando le labbra dell’ uno si chiudevano con delicatezza su quelle dell’ altra. Se poi non erano in posti frequentati da altre persone i baci lasciavano presto il posto agli abbracci arditi, alle carezze intime, ai toccamenti eccitanti. Bastava un angolo riparato, la protezione di una macchina o del buio che i loro sensi si scatenavano. Se poi riuscivano ad avere l’ occasione per stare in casa era il momento ...
     per esaudire ogni voglia ed ogni desiderio; cercavano comunque ogni opportunità per stare insieme e avrebbero voluto andare via, fare una vacanza insieme, dormire insieme, svegliarsi insieme ma non erano progetti facilmente realizzabili: al massimo riuscivano a strappare un cinema o una cena che prevedevano inevitabilmente un finale a base di sesso. Per lei c’ era però a seguire il problema del ritorno a casa con Basilio che chiedeva, indagava, controllava e ipotizzava tradimenti e corna: a volte lo faceva scherzando, altre con serietà e durezza quasi che sapesse che cosa era successo. Con tutto ciò Gabriella era troppo innamorata di Davide per rinunciare al suo amore, aveva troppa voglia per fare a meno del suo uccello e così si mostrava disponibile con Basilio perché non si convincesse dei suoi dubbi: divisa tra un uomo rude e un giovane innamorato, tra una realtà solida, ma ripetitiva e un mondo quasi fiabesco, tra due cazzi che, con spirito diverso, dovevano essere entrambi soddisfatti. Così quando poteva dedicarsi a Davide era felice: si sentiva giovane, desiderata, capiva di essere la fonte della sua eccitazione e la esaltava dargli piacere; lo toccava, lo sfiorava con la lingua su tutto il corpo, gli leccava i capezzoli e godeva nel sentirlo fremere; allora si inginocchiava ai suoi piedi e lo leccava nell’ inguine sentendo i peli che le solleticavano la fronte e il suo sesso duro che si appoggiava sulla sua testa, si intrufolava tra le sue gambe e andava a baciargli le ...
«1234...»