1. Telefono


    Data: 04/03/2018, Categorie: etero Autore: pollo_ollop, Fonte: EroticiRacconti

    Sono sotto la doccia, l’acqua scorrendo si porta via un po’ di stress, ma non basta, ho bisogno di sfogarmi. Adesso finisco la doccia, vado di la e la prendo con forza, qualsiasi cosa stia facendo! Devo sfogare questa tensione! Esco dalla doccia, mi metto l’accappatoio e vado a cercarla, non mi asciugo neppure, lascio impronte d’acqua dietro di me. Sento la sua voce in cucina, deve essere al telefono. Infatti la trovo seduta al tavolo della cucina che parla al cellulare. Quando mi vede, mi guarda male per il pavimento bagnato e mi fa capire che parla con Elisa, una sua amica logorroica, le telefonate con lei possono durare anche un’ora. Io però non posso aspettare. Mi piazzo davanti a lei, apro l’accappatoio e le faccio capire il mio problema. Lei si mette a ridere e mi accarezza la verga con dolcezza, ma io non voglio dolcezza e lei continua a parlare con la sua amica. Allora mi avvicino e le accarezzo la guancia con la cappella, lei mi guarda e tra una parola e l’altra mi da delle leccatine sulla cappella. Allora la prendo per la nuca e la costringo a farla entrare in bocca, lei mi guarda male ma resta lì un po’. “scusa Elisa ma sto mangiando una cosa” e lo riprende in bocca. Ci sta prendendo gusto. Mi stacco un attimo da lei e gli faccio togliere la maglietta, sotto è nuda. Metto l’uccello tra quei seni così belli e li stringo con le mani, a lei non piace ma adesso non può protestare. Mi guarda malissimo e appena con la cappella mi avvicino troppo alla sua bocca cerca di ...
     darmi un morso. Ok ho capito, lascio le sue tette e mi allontano. Lei mi guarda intensamente, non capisco cosa vuole, parla solo con la sua amica. Mi avvicino e cerco di farla alzare, vorrei prenderla da dietro qui sul tavolo, le accarezzo le cosce per fargli capire cosa voglio, ma lei con la mano libera batte sul tavolo, vuole che mi sieda lì. Eseguo i suoi ordini. Mi spinge giù, steso sul tavolo, mette il vivavoce al telefono e me lo appoggia sulla pancia “scusa metto il vivavoce che intanto faccio le faccende” Mentre la sua amica le racconta dei suoi problemi al lavoro, lei prende dell’olio e se lo spalma tra i seni, solo questo rischia di farmi venire, poi rincomincia a farmi una spagnola come si deve, ha messo il mio uccello tra le sue bocce unte e fa su e giù guardandomi negli occhi, mentre non perde il discorso con la sua amica. Come diavolo fa!? Io faccio fatica anche solo a ricordarmi di stare zitto! Quando la sua amica parte con un monologo sugli uomini che sono tutti uguali e vogliono solo una cosa ecc. lei ne approfitta e lo riprende in bocca. Quando deve dire qualcosa di più di “mmmm” lo fa uscire e lo usa come microfono. Le sue labbra sfiorano la mia cappella mentre parla. Gli occhi sempre nei miei. Non so quanto posso durare ancora, inizio a sospirare forte, lei si ferma un attimo, mi fa segno di tacere e mi soffia sopra per rinfrescarmi e rallentare la corsa. Vedo che sta pensando qualcosa. Prende il telefono con ancora la sua amica, che racconta di non so che ...
«12»