1. Svezzato da zia Gloria


    Data: 05/03/2018, Categorie: Incesti Autore: Lucien Rousseau, Fonte: EroticiRacconti

    Era già una settimana che mi guardava con provocazione e sensualità. Non avevo esperienza con le donne ma certi atteggiamenti ambigui si percepiscono. Mi invitò un pomeriggio per aiutarla a raccogliere le mele dal giardino. La zia aveva 50 anni ma era ancora prestante e atletica come una trentenne. Il fatto che non volesse raccoglierle da sé era sospetto. Aprii il cancelletto di legno della villetta e trovai la porta socchiusa. "Zia, sei qui? Come mai c'era la porta aperta?" Nessun suono arrivò da alcuna parte della casa e il cuore cominciò a battermi per la paura che qualcosa le fosse successo. Perlustrai le stanze e dal bagno sentivo un lontano scroscio d'acqua. Poggiai l'orecchio per sentire meglio e poi l'occhio nella fessura. Non si vedeva niente perché era coperta da un panno. Tutt'a un tratto la porta si spalancò e mi ritrovai inginocchiato di fronte a mia zia Gloria, completamente nuda, la quale provò con palesemente finta vergogna a coprirsi il seno con le mani. Rimasi lì a osservarla sconvolto. Non avevo mai visto una donna tanto nuda nella mia intera vita. La vidi divaricare le gambe: "Cosa ti prende? Non ne hai mai vista una?" "Mai vista né toccata" "Dammi la mano!" Le porsi la mano e lei lentamente e con dolcezza se la portò tra le gambe, muovendola avanti e indietro per massaggiarsi le labbra della sua vagina. "Odorati le dita, adesso. L'hai vista, l'hai toccata e ora devi sentirne l'odore" Feci come mi diceva senza avere il coraggio di controbattere. Temevo la ...
     sua figura. Le donne grandi mi avevano sempre affascinato e portato via la parola. Il profumo era di bagnoschiuma alle rose, così delicato. Fui, poi, molto sfacciato: "E il sapore com'è?". Lei rise e mi rivolse un'occhiata penetrante e di fuoco. Dicono che gli occhi siano lo specchio dell'anima: la sua bruciava di passione. Da lì fu un attimo, mi ritrovai con le sue parti intime sul viso, così calde e umide. "Lecca amore mio, lecca", mi disse non riuscendosi a controllare. Cacciai la lingua e iniziai a leccare ovunque, la clitoride, le labbra, il pube, le cosce. Ero eccitatissimo e non potei fermarmi. Dopo un po' si staccò e poggiò il piede sul mio petto facendomi stendere sul pavimento del corridoio. Si mise seduta sul mio pacco e cominciò e strusciarsi mentre la sentivo tremare dal godimento. "Come è duro. Ti voglio cavalcare. Lo voglio dentro di me" "Prendilo tutto, zia!" Il 'cazzo' era già ben lubrificato e saltò su sbattendo con le sue cosce aperte sulle mie. I colpi erano rumorosi e vigorosi. Ogni tanto si abbassava e mi baciava e poi si tirava i capelli neri indietro. Manteneva gli occhi chiusi e a un certo punto vidi che si tastava il seno e aumentava la frequenza dei suoi gemiti. Di scatto si sollevò e un'ondata di liquido si riversò su di me e sul pavimento. La zia mi aveva squirtato addosso. Feci stendere lei stavolta e mi poggiai col sedere sul suo viso. Con le unghie e con la lingua cominciò a leccarmi l'ano e a stuzzicarmelo mentre mi segavo. Non ci volle molto ...
«12»