1. Black bloc - forti emozioni


    Data: 13/06/2018, Categorie: Lesbo, Autore: msm62, Fonte: Annunci69

    a schiacciare le mammelle e i capezzoli, al che, sottomessa dal dolore e dal piacere in aumento di intensità, raggiunse l'orgasmo. Ripresasi dall'amplesso capì, che quello che le era successo nel pomeriggio con le due donne al corteo, il perchè non aveva provato nessun piacere e non aveva raggiunto l'orgasmo quando al mare fece per la prima volta all'amore con il suo fidanzato. Infatti, Gianni il suo fidanzato, sapendola vergine l'aveva penetrata dolcemente e alla vista del sangue e sentito il piccolo urlo provenire dalla bocca di Simona si era fermato e raggiunse l'orgasmo continuando con la sua mano a masturbarsi. Dopo quella volta, per il resto del periodo delle ferie non avevano più fatto sesso e al ritorno si erano lasciati. Durante la notte, l'episodio del sesso fatto con le due donne la tormentava a tal punto che si masturbava raggiungendo più volte l'orgasmo. Il giorno seguente si ritrovò con Jasmine al bar sotto casa e leggendo con l'amica l'articolo del quotidiano dove si narravano i fatti accaduti in Piazza San Giovanni, notò nell'angolino in basso una foto con i manifestanti al centro dei disordini e in secondo piano le due ragazze che l'avevano violentata, che lanciavano sassi contro i poliziotti. Mentre stava per raccontare a Jasmine quanto successo il giorno prima, una volante della polizia passò velocemente davanti a loro con le sirene accesse, spaventandole. Jasmine guardando l'amica le disse:"mi sa che tra poco, da qui ci saranno di casini. Io vado a ... casa per prudenza" e così fece alzandosi e avviandosi verso la fermata dell'autobus. Mentre Simona stava guardando l'amica salire sul mezzo, una moto si fermò davanti al bar, scesero due ragazze vestite di nero con il casco e la visiera abbassata, le si avvicinarono è una di loro le sussurrò:"ti ricordi di noi?", Simona rispose:"sì che mi ricordo di voi, mi avete seguito? Che cosa volete da me?" Non risposero subito, la guardarono, poi Sandra le disse:"non fiatare e non reagire, altrimenti torniamo e ti picchiamo. Saliamo in casa tua, tanto sappiamo che i tuoi sono partiti per il week end al mare". Preso sottobraccio la ragazza e salirono in casa che lungo le scale chiedeva:"come fate a sapere che i miei non ci sono e che tornano domani?" Mary rise e rispose:"non lo sapevamo, c'è lo hai detto tu adesso. E poi, è stato un caso che ti abbiamo incrociato oggi. Avevamo voglia di un caffè e ci siamo fermate al primo bar che abbiamo trovato e per ironia della sorte ti abbiamo visto con la tua amica che saliva sull'autobus. Ci siamo fermate e siamo venute a chiederti di offrirci il caffè. Che tu ci farai vero?" La ragazza impaurita fece entrare le due donne nell'appartamento brontolando:"vi faccio il caffè e poi ve ne andate, altrimenti avvertirò la polizia". Sandra rise e di rimando le diede una sculacciata forte sul sedere rispondendo per le rime:"ora facci il caffè, al resto ci pensiamo dopo" Nel frattempo, Mery si era tolta il casco, il giubbotto e i scarponcini di pelle nera ...