1. Come sono diventato bisex 3


    Data: 12/07/2018, Categorie: Gay / Bisex, Autore: Amintore, Fonte: EroticiRacconti

    Segue dai racconti precedenti. Insomma oramai il figlio era diventato una presenza costante nel nostro rapporto ma la cosa piace ad entrambi e quindi ..... meglio così. Mi ricordo di una volta che stavamo scopando tranquillamente nella posizione comunemente nota come " del missionario " quando in stanza è arrivato lui e vedendoci impegnati in quel modo, subito si è tirato giù i pantaloni e salendo sul letto, ha estratto il cazzo dalle mutande e menandoselo ce lo sbattuto in faccia ad entrambi. La mia donna, felicemente ha iniziato a leccarlo e poi lo ha fatto passare a me, che ero impegnato a scoparmela. Di fatto si faceva fare un pompino da entrambi e anzi la mia donna lo incitava a mettermelo in bocca a me. La cosa mi ha subito eccitato maggiormente, al punto che ho iniziato a dare colpi sempre con più forza, a sbatterla per bene. Io oramai avevo in bocca la cappella e gliela succhiavo avidamente e lei da sotto gli leccava le palle, prendendole anche una ad una in bocca e godendosele lascivamente, emettendo lamenti di goduria. Allora le ho preso per le gambe, mettendomele sulle spalle e menavo colpi proprio con cattiveria, a far male. Lei subito ha iniziato a godere di questa mia irruenza e " bravo amore .... vedi come ti piace il cazzo di mio figlio ..... dai succhialo e scopami .... dai sfondami alla grande .... " Io sembravo impazzito, succhiavo il cazzo del figlio, spingendolo in fondo alla gola e contemporaneamente gli martellavo la fica con una erezione che non ... avevo da tempo. Dopo qualche minuto le ho inondato la fica di una sborrata fantastica e lei squassata da almeno un paio di orgasmi, ha iniziato a incitare il figlio per riempirmi la bocca. Subito un'ondata di sperma mi ha investito, riempiendomi. Trattengo tutto, due ... tre ... quattro abbondanti schizzi e poi mi piego per baciarla e scambiare con lei quel goloso nettare. E' stata una cosa fantastica, che ci ha appagato tantissimo. Un'altra volta invece lei era seduta in terra, al bordo del letto con la testa riversa sul materasso; io ero in piedi, appoggiato con le braccia sul letto e con il cazzo nella sua bocca, le gambe larghe in quanto lei con entrambi le mani mi stava penetrando con un fallo rosso di almeno 30 centimetri e mi stantuffava alla grande. Entrava e usciva senza pietà e senza alcuna difficoltà in quanto oramai il mio sfintere era abituato a quel trattamento. Sembrava che più mi stantuffasse e più il mio cazzo reagiva e ne acquistava di durezza e volume. Mi stava per scoppiare e lei mi sbocchinava e insalivava come non mai. Entra il figlio e allora lei lo chiama mentre si sdraia a gambe aperte e mi chiede di penetrarla. " dai amore unisiciti a noi " ed invita il figlio a fare altrettanto con me. Io gli entro nella fica, oramai madida di secrezioni e lui appoggi la cappella tra le mie chiappe. Appenna io finisco la penetrazione in fica, lui spinge come un forsennato e me lo affonda nelle viscere. certo oramai non trova più tanta resistenza da parte del mio culo ...
«12»