1. Sul treno, di notte


    Data: 21/07/2018, Categorie: Voyeur, Autore: esme84, Fonte: EroticiRacconti

    E' finita un' altra giornata di lavoro. Sono le sette e mezza di sera. Ho chiuso l'ufficio e vado verso la mia auto. Salgo in macchina, ma la mia auto non si accende. Riprovo un paio di volte, ma niente, non si accende. Domani provvederò a mandarla dal meccanico, ma, intanto, avverto mio marito, Gianfranco, che arriverò tardi a casa perchè prenderò il treno della notte. Mi avvio alla stazione ferroviaria e ci sono solo io che salgo sul treno. O, almeno, così sembra. Proprio nel momento in cui si chiudono le porte, ecco salire un altra persona. E' un ragazzo di colore, con indosso la divisa di operatore ecologico. Si siede nella prima carozza di fronte a me. In questa carrozza ci siamo solo io e lui. Il treno parte lentamente e con degli scossoni. I bruschi movimenti del treno fanno alzare, leggeremente, la mia gonna. Il ragazzo mi guarda le cosce e mi sorride. Io non rispondo al suo sorriso e riposiziono, velocemente, la gonna sopra al mio ginocchio. “Cosa ci fa una bella ragazza tutta sola sul treno ?” mi chiede. “Sto rientrando dal lavoro e non ho paura di prendere il treno di notte” gli rispondo. Accavallo le gambe e prendo in mano una rivista con l'intenzione di leggerla ma il tipo ha ancora voglia di parlare. “A che stazione scendi, che lavoro fai..e, se non sei già impegnata con qualcuno..ti vorrei offrire qualcosa da bere, quando scenderemo insieme dal treno..” “No grazie, c'è già chi mi viene a prendere alla stazione e sono sposata. Ora mi lasci in pace, vorrei ... leggere...”gli dico con asprezza. Lui è deluso dalla mia risposta e smette di parlare. Subito dopo, prendo in mano il giornale e lui va a sedersi di fianco a me. Faccio finta di nulla e preseguo nella lettura. Con la coda dell'occhio, vedo lui che tiene fisso il suo sguardo sulla mia scollatura. Passa il controllore. Lui gli mostra subito il suo biglietto. Quando è il mio turno, cerco nella borsetta ma non trovo il mio biglietto. Strano, eppure mi ricordo di averlo comprato. Il controllore è impaziente. Mi scuso e decido di pagare la multa. Interviene il ragazzo di colore. “Pagherò io, per la signora” dice al controllore. Sto per dirgli qualcosa ma lui mi fa cenno di stare tranquilla. Lo lascio fare. Mentre lui acquista un nuovo biglietto, io cerco di concentrami per capire dove ho messo il mio di biglietto. Quando il controllore se ne va, il ragazzo mi porge il biglietto. Lo ringrazio. Sono un po' imbarazzata e lui se ne accorge. “Non c' è bisogno che mi rimborsi i soldi...Se vuoi proprio ringraziarmi, puoi farlo, facendo un veloce spogliarello per me..in questa carrozza non c'è nessuno oltre a noi, e il treno sta per arrivare all'ultima stazione..” mi dice, con calma. Rifletto, per alcuni secondi: dopotutto è stato gentile..perchè non accontentarlo..“Va bene. Ma sarà una cosa veloce. Stiamo per arrivare in stazione” gli rispondo. Mi abbasso la maglietta, lasciando per qualche secondo le mie spalle scoperte. Lui ne approfitta subito per leccare la mia spalla nuda. Poi, mi sfilo la ...
«12»