1. Tornando a casa


    Data: 24/08/2018, Categorie: Masturbazione, Autore: Jy, Fonte: EroticiRacconti

    Masturbarmi si sa… è una cosa che adoro e che faccio spesso… spessissimo. L’ho fatto decine di volte, chiusa nella mia stanza mentre i miei erano in casa, indaffarati in qualche faccenda domestica. Loro pensano che io sia concentrata a studiare ed invece mi trastullo nella mia attività preferita quando sono da sola. Ma domenica sera è successo qualcosa di diverso. Abbiamo passato un noiosissimo pomeriggio con i parenti, allietato solo da qualche breve puntata in bagno per darmi un po’ di sollievo. Purtroppo la serata è finita peggio, seduta in una pizzeria a sorridere forzatamente a zie e partenti che non vedevo da secoli e che spero di non rivedere molto presto. Dulcis in fundo, un viaggio di ritorno di oltre un’ora. Quando partiamo è quasi mezzanotte. Il riscaldamento in auto è al massimo e dopo qualche minuto si comincia a stare bene. Papà guida e mamma di addormenta sul sedile davanti. Io tolgo le scarpe che da ore mi stringono i piedi. E già quello è un bel sollievo. Nel buio della notte inizio ad accarezzarmi distrattamente le gambe velate da un paio di collant. La mano scorre avanti e indietro tra il ginocchio e l’inguine e la voglia cresce. Arrivo fino in alto e da sotto la gonna inizio a toccarmi. Sono seduta dietro il sedile di papà che quindi non può vedermi. Alzo la gonna scoprendo le cosce che allargo un po’. Con una mano aperta mi accarezzo la figa. Sento la pressione delle dita sulle labbra che si stanno bagnando. Il clitoride sollecitato risponde ... immediatamente. Scosto appena la testa per guardare nello specchietto retrovisore. Gli occhi di mio padre sono fissi sulla strada e la musica dell’autoradio copre i piccoli rumori che faccio muovendomi. Infilo una mano nei collant. Le mie dita scivolano in mezzo alle gambe da sopra le mutandine che sono già umide. Con un movimento circolare di due dita mi massaggio il clitoride. Mi abbandono sul sedile e chiudo gli occhi. E’ così piacevole. E poi è eccitante il fatto di essere in auto con i miei. Con il medio scosto le mutandine e con l’indice mi tocco la figa nuda. Le labbra sono gonfie e ricettive. Il clitoride è ritto e umido. Ci gioco un po’ sentendo brividi di piacere. Mi accarezzo per tutta la lunghezza dell’apertura e cerco di scendere fino al buchino del culetto. Mi stendo un po’ sul sedile e facilitare l’accesso dietro. Gli umori colati mi hanno bagnata anche dietro. Provo a penetrarmi ma in quella posizione riesco ad infilarmi solo una falange. Allora torno ad occuparmi della mia figa. Cerco di allargarmela con le dita anche se i collant mi impediscono di muovermi come vorrei. Infine riesco a penetrarmi con medio e anulare. Muovo le dita dentro di me, lentamente, e questo mi da tantissimo piacere. Cerco con il pollice di sollecitare il clitoride. Probabilmente ci riesco perché sento che sto per venire. Mi fermo per paura di emettere suoni inequivocabili ma la voglia è maggiore del timore. Riprendo a masturbarmi cercando di controllare i gemiti. L’auto di colpo rallenta e io alzo ...
«12»