1. Lisa


    Data: 10/09/2018, Categorie: Lesbo, Autore: msm62, Fonte: Annunci69

    La pioggia scendeva fitta e copiosa sul parabrezza impedendo a Lisa di guidare serena e sicura, mentre i pensieri nella sua testa ripercorrevano una vita dedicata completamente al lavoro. Non c'era spazio per i sentimenti e per le relazioni durature alla Farm Corporation, ma era riuscita con tenacia e perseveranza ad arrivare ad essere la top manager dell'azienda. Mentre guidava, continuava a ripetere:"maledizione, maledizione.....", non poteva immaginare che all'età di sessant'anni si innamorasse della sua segretaria diciottenne, rimasta coinvolta in un incidente stradale mentre andava dai suoi genitori a Greenville, piccola cittadina della Nord Caroline. Quella ragazzina, come la chiamava lei, l'aveva colpita sin dal primo incontro durante il colloquio di lavoro e con la mente ritornò a quel giorno. La accolse nello studio con un:"buongiorno, signorina....", "Sandy, mi chiamo Sandy Mac Arthur" la interruppe la ragazza sedendosi sulla poltrona difronte a lei. Sandy si era presentata vestita con un talleiur nero, camicetta bianca, calze e scarpe senza tacco di colore nero. La corporatura robusta accentuata da un seno prosperoso è un sedere sodo, la rendevano goffa rispetto a quel viso pulito e paffutello dove le labbra carnose e gli occhi grandi di colore marron, si perdevano tra la folta chioma nera. Osservandola, Lisa notò la notevole somiglianza con lei anche se il viso scavato dall'età e dalle rughe e il seno ormai flaccido con la pelle sull'addome segnata dalle grinze ... del grasso, la rendevano meno attraente. Il colloquio durò pochi minuti e si limitò ad una sola domanda:"lei è disposta a lavorare sodo limitando il tempo libero a favore dell'azienda?". Sandy aveva bisogno di un lavoro e di guadagnare immediatamente per potersi pagare le spese dell'appartamento e rispose d'istinto:"Si". "Bene, lei è assunta. Inizia domani mattina.<!-- /1013617/Annunci_300x250 --> googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1493738170950-0'); }); Si presenti qui da me alle ore 9.00" affermò Lisa. Un lampo tra la pioggia illuminò il cartello che indicava 20 chilometri a Greenville e intanto i suoi pensieri ritornavano a Sandy e al suo primo giorno di lavoro. La ragazza si era presentata puntuale con lo stesso tailleur del giorno prima, mentre le calze a rete nere con un disegno di un angelo ben visibile sulla coscia, risaltavano le scarpette rosse con i tacchi a spillo. Entrata nello studio, Lisa le chiese di avvicinarsi alla sua sedia e le mostrò dei documenti da archiviare. Sandy era in piedi di fianco a Lisa che seduta non toglieva lo sguardo dal disegno sulle calze esclamando con stupore:"è la nuova moda questo disegno sulle calze?". La ragazza sorrise e rispose in tono sottomesso:"è il regalo della mia migliore amica ricevuto il giorno della partenza per Richmond qui in Virginia". Lisa sorrise sfiorando con il palmo della mano il disegno sulla calza e disse:"Bello è una idea geniale sulla tua gamba ti dona molto". La ragazza arrossì, prese ...
«1234»