1. Dentro a una sala giochi, un triste racconto


    Data: 26/09/2018, Categorie: Esibizionismo, Autore: Seduzione009, Fonte: EroticiRacconti

    Racconto di un episodio della mia vita: Estate, una sera come tante decidiamo di fare un uscita con gli amici in una sala giochi, una classica sala da biliardo con tanti altri giochi elettronici tipici di quei posti. Io all'epoca stavo insieme a una certa Bambola (sarà il suo nome in questa storia), era bionda con i capelli ricci e occhi marroni, uno sguardo angelico ma pieno di malizia. Il vero motivo del perché mi eccitava così tanto quella donna è che ci ho messo secoli prima di passare dal semplice "amico" al starci insieme. Fisicamente era molto corposa, con un bel seno e con un sedere di un certo spessore, il tutto contornato da questa magnifica bellezza naturale. Quella sera eravamo seduti sul bordo di una finestra, io appoggiato e lei seduta in braccio sopra di me. Indossava una gonna e una maglietta bianca di pizzo, me lo ricordo ancora come fosse ieri. Mentre i miei amici stavano giocando a biliardo a 1 metro da noi lei mi si avvicina pian piano all'orecchio e mi sussura: "sai che ho proprio voglia di te...." E' bastata quella frase per farmi venire i brividi lungo tutta la schiena, e un secondo dopo la mia erezione era già talmente invadente che anche lei si è accorta subito.... (sapeva che mi eccitava da morire, ero ai suoi piedi, completamente ammaliato dalla sua bellezza e dal suo fascino, e forse proprio il fatto che ci ho messo così tanto ad conquistarla faceva si che in mente avevo solo lei... continuamente....) A quel punto mi si avvicina di nuovo ... lentamente all'orecchio e mi sussurra: "e vedo che anche il tuo amico ha voglia di me....." E li fu la fine, ormai l'erezione era già alle stelle, e cominciava a pulsare in maniera costante mentre nella mia testa passavano infiniti pensieri con noi due che rientriamo a casa e con il mio viso che scende lentamente tra quelle bellissime e formose cosce per assaporarne il gusto e farla impazzire.... Ma non andò così..... perché mentre tutti i miei amici stavano giocando a biliardo lei si sistemò la gonna (in una maniera tattica da coprire entrambe le mie gambe ma che sembrasse che fosse seduta normalmente) con una rapidità e abilita indescrivibile apri la zip dei miei jeans e tirò fuori dalle mutante il mio pene lasciandolo in mezzo alle sue cosce sotto la sua gonna... Ero sbalordito..... sia dalla situazione che da quel momento... e mentre guardavo i miei amici litigare sulla composizione delle squadre, stavo per fare una "partita" eccitante come mai prima d'ora in squadra con lei, o contro di lei, non so bene come metaforizzare il dettaglio... :) Fatto sta che sposta leggermente le mutandine con la mano e sale sopra il mio pene con una grazia e indifferenza incredibile... il tutto rimanendo impassibile ma soprattutto commentando le vicende e le litigate dei nostri amici come se nulla fosse... Beh... in quel istante.... in quel preciso istante.... avrei voluto urlare.... è stato qualcosa di pazzesco che credo ricorderò per tutta la vita..... Passò qualche istante e appena capì che ...
«123»