1. Centro commerciale


    Data: 28/09/2018, Categorie: Trans, Autore: carlet65, Fonte: Annunci69

    Una domenica come tante fino al momento in cui diventa una giornata diversa. Arrivo al centro commerciale Porte di Roma, nel parcheggio cerco di trovare una lucina verde che mi indichi il parcheggio libero, la vedo e faccio per dirigermi verso il punto. Ci sono quasi, sto per attraversare l'incrocio e parcheggiare quando sbuca un'auto e si infila in quello che doveva essere il mio posto, fortuna vuole che affianco ce ne sia un altro. Ok parcheggio butto lo sguardo incazzato verso l'altro abitacolo e di tutta risposta l'occupante mi fa la linguaccia. Scendo faccio il giro della mia auto per prendere delle cose sul sedile posteriore e nel mentre si apre lo sportello e scende una persona con cappellino di quelli di lana. Accosto lo sportello per farla passare mi passa vicino mi tasta la patta e sorride. Senza dire nulla camminando si toglie il cappellino e da li spuntano dei bellissimi capelli lunghi. Devo dire non ci ho capito nulla se fosse uomo o donna complice la mia distrazione e la poca luce del parcheggio. Chiudo l'auto e la raggiungo, mi presento e devo dire anche dall'altra parte trovo una persona disponibile. Incamminandoci verso il centro commerciale scambiamo quattro chiacchiere e parlando del più e del meno mi rendo conto che si tratta di una bellissima trav. Arrivati quasi nei pressi dove mi attendeva il resto della compagnia faccio per salutarla e lei mi dice tanto ci rincontriamo. Raggiunto il resto della comitiva ci buttiamo nella baraonda di gente che gira ... tra un negozio e l'altro dimenticando anche di quell'incontro fatto poco prima. Mentre osservavo una vetrina di un negozio una voce da dietro mi dice...sento che sei un vero porcello seguimi. Non so come ho fatto mi sono staccato con una scusa dalla compagnia e ho iniziato a seguirla.<!-- /1013617/Annunci_300x250 --> googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1493738170950-0'); }); Come ipnotizzato la seguo in un negozio, prende alcuni capi da uno scaffale si incammina verso i camerini. Io seguo come se fossimo insieme. Entra tira la tenda e credo inizi a provare ciò che aveva preso. Ad un certo punto scosta la tenda e mi fa cenno di entrare io mi guardo intorno e intimorito mi ritraggo. Non vi dico però che spettacolo mi si è presentato due gambe in splendide autoreggenti con giarrettiera e un perizoma violetto. Il fratellino subito si è vestito di autorità e fosse stato per lui avrebbe attaccato subito la preda. Dai prova l’altro gli ho detto, lasciando la tenda leggermente scostata in modo che potessi vedere ha iniziato a toccarsi eccitandosi, poi mi ha invitato ancora ad avvicinarmi e ha voluto che le toccassi le gambe e poi girandosi anche il culo. Devo dire due belle chiappe dure ma allo stesso tempo morbide, una bella pelle liscia. In queste occasioni uno deve avere la testa sulle spalle, quindi gli ho detto dai non mi sembra il caso qui. Si è un po’ scocciata però mi ha dato retta. Usciti dal negozio si è fermata in una gelateria e mi ha offerto un ...
«123»