1. CONVERSIONE ALLA DEPRAVAZIONE DI UNA MOGLIE PER BENE


    Data: 04/10/2018, Categorie: Etero, Trio, Cuckold, Dominazione, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Cap. 1 UNA FAMIGLIA NORMALEIn una cittadina della cintura milanese, un tempo tranquilla e laboriosa e ora come tutte le città del nord Italia in preda alla delinquenza , alla carenza di lavoro e dei flussi migratori , viveva serenamente una famiglia coscienziosa e responsabile formata da marito , moglie e un figlio in età post adolescenziale , la tipica famiglia piccolo borghese italiana. Vivevano abitualmente la loro routine quotidiana, ignari che su di loro stava per abbattersi , oltre che i problemi sociali e familiari che già conoscevano , anche qualcosa che mai avrebbero pensato potesse sfiorarli , la depravazione .Era una coppia regolarmente sposata da vent'anni ,la loro vita svolgeva normalmente , come migliaia di altre nell'anonimato della nostra collettività , essendone protagonisti a loro modo del vivere ,del crescere e del cambiamento della società della nostra bella Italia .Carlo, il marito , era un bell'uomo , buono e amante della famiglia ,un cinquantenne , impiegato assicurativo in una grande compagnia nazionale con uffici a Milano ,e lui gestore di una agenzia in città .Era nato e cresciuto a Milano, figlio di genitori meridionali ,emigrati al nord negli anni 60.Della città meneghina crescendoci ,come molti figli di emigrati dal sud, ne aveva preso la cultura ,la civilizzazione, il modo di pensare e fare , oltre che l'atteggiamento .Parlava anche il dialetto e ne aveva la cadenza e spesso gli piaceva farlo , farsi passare per milanese puro , specie quando era ... assieme alla moglie , che le dava la sensazione a suo dire , di essere del nord come lei . I suoi genitori ,religiosi e onesti lavoratori , per festeggiare la loro nuova cittadinanza nella città del nord , lo chiamarono Carlo , in onore del cardinale Borromeo , uno dei patroni di Milano .Conobbe sua moglie Roberta da giovane ,lei era poco più che ventenne e lui già ventisettenne , e in quel periodo era precaria ,lavorando provvisoriamente part time in uno studio commercialista rinomato della città .Roberta era più giovane di lui di sette anni , era una 43enne attraente e affascinante , di una bellezza semplice , non sofisticata , da mamma, impiegata e moglie fedele ; ed era nell'età più bella per una donna , quella della sua maturità fisica e intellettuale .Lei apparteneva a una vecchia famiglia milanese da generazioni ,lavoratrice , seria, onesta e rispettata , con una sorella e un fratello più grandi che dopo essersi sposati vivevano in altre città della regione . Era di buona cultura ed educazione , cresciuta anche lei come lui nei valori famigliari,religiosi e morali . Aveva l'inflessione milanese nel parlare e le esclamazioni di stupore o timore , spesso le esternava in dialetto .La loro relazione era iniziata con un incontro casuale per strada ,come avviene a molti ragazzi e ragazze, tutto era nato con uno sguardo, un sorriso, poi qualche parola di Carlo e una chiacchierata conoscitiva , seguita da una passeggiata e la richiesta di un nuovo incontro da parte di lui .Si ...
«1234...12»