1. fantedicuori sabato sera


    Data: 07/10/2018, Categorie: Cuckold, Orge, Saffico, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Io e mia moglie Anna siamo una normalissima coppia quarantenne, molto innamorati ed affiatati, sempre complici in tutto. Dopo diversi anni di matrimonio, di comune accordo, una sera d’inverno decidemmo di uscire dalla solita routine del sabato. Ci preparammo dunque per recarci in un’altra cittadina limitrofa alla nostra, in un locale di cui Anna aveva sentito parlare da una collega durante una pausa del lavoro in ufficio dove è impiegata e che l’aveva incuriosita in quanto descritto come molto fine ed elegante ma anche particolarmente intrigante e sensuale. Dopo una mezz’ora circa di viaggio, ci fermammo all’indirizzo del locale e che ci eravamo procurati in Internet. Una volta parcheggiata l’auto in un piazzale discreto non visibile direttamente dalla strada, entrammo nel locale, molto bello, con il pavimento in moquette e luci calde e soffuse. Nel locale si godeva un’atmosfera gradevole e una temperatura perfetta. La musica discreta di un pianoforte completava l’atmosfera. Una volta accomodati sui divanetti e ricevute le ordinazioni (un paio di cocktail leggermente alcoolici), cominciammo a guardarci intorno. I divanetti erano tutti più o meno disposti intorno ad una piccola pista da ballo, sulla quale alcune coppie stavano ballando lentamente, facendosi cullare dalla musica calda e sensuale. Nel locale c’era già abbastanza gente e la serata si preannunciava molto piacevole. Il locale sembrava molto discreto oltre che elegante e non c’era niente che facesse supporre ... qualcosa di particolarmente spinto. La gente nei divanetti conversava e le coppie ballavano. Così, sorseggiato un po’ dei nostri cocktails, decidemmo di lanciarci in pista pure noi. Ormai in mezzo alla pista, potemmo constatare che tutte le coppie ballavano tranquillamente. Unica nota degna di rilievo, ad un certo punto ci accorgemmo di una giovane ragazza bionda che, nuda ma con solo una catenina d’oro intorno alla vita, si aggirava tra le coppie che ballavano, come un’unica nota trasgressiva in quell’ambiente peraltro assolutamente normale. La seguimmo con lo sguardo mentre si accostava alle coppie, accarezzando e facendosi accarezzare, finchè la perdemmo con lo sguardo. Dopo qualche altra giravolta, decidemmo di ritornare al nostro posto, un po’ perplessi. Non sembrava in effetti che le premesse potessero farci intuire qualcosa i più intrigante e trasgressivo, e un vago senso di delusione già cominciava ad impadronirsi di noi quando, facendo caso alla coppia di giovani fidanzati seduti di fronte a noi, ci rendemmo conto che, nel baciarsi, la ragazza aveva cominciato ad accarezzare il proprio ragazzo sopra i pantaloni. Dopo un po’ di carezze, con abilità la ragazza aprì la cerniera dei pantaloni e, fattili scendere un pochino, introdusse la manina dentro gli slip del compagno, estraendone un membro già bello eretto. Io e mia moglie ci guardammo, mentre l’emozione cominciava a trasparire dai nostri sguardi. Io vedevo come mia moglie seguiva l’andamento della manina della ragazza ...
«123»