1. Strane cose sul bus


    Data: 08/10/2018, Categorie: Prime esperienze, Autore: Francesco L.V., Fonte: EroticiRacconti

    Salve a tutti, quello che segue è un racconto di fantasia, i fatti narrati sono totalmente frutto della fantasia dell’autore, ogni riferimento a fatti accaduti e persone reali è puramente casuale. Viaggiavo da circa un mese da Guidonia verso Roma , era il primo anno di liceo, frequentavo l’istituto Aeronautico situato all’Eur e ogni santa mattina mi alzavo alle 5, perché altrimenti col traffico non riuscivo ad arrivare in tempo a scuola. Una di quelle mattine la corriera era decisamente più piena del solito, non che la cosa fosse una novità dato l’alto numero di pendolari, ma purtroppo, essendo molti stranieri, non era difficile venire spinti. Finì quindi col bacino contro il sedere di una ragazza girata verso il vetro, potevo vedere la sua espressione di disappunto attraverso il riflesso, ma non era certo colpa mia se li dentro eravamo chiusi come una scatola di sardine. La corriera partì e alla prima curva ecco che sentivo il mio membro andare a sfregare contro il culo di lei avvolto nei pantacollant neri, il sudore cominciava a uscirmi lentamente dalla fronte, ero in una posizione in cui non potevo muovermi e se quella si fosse girata e avesse solo detto qualcosa sarei stato bollato come il peggiore dei maiali. L’idea di prendere e scendere mi balenò in testa ma l’orario non era dei migliori e tra l’altro avevo i genitori a casa e di marinare la scuola da solo proprio non mi andava, decisi quindi di resistere, ma all’ennesima curva di nuovo, stavamo praticamente troppo ... appiccicati, osai quindi scusarmi, giusto per evitare che la prendesse male. La voce di lei era quasi sussurrata, come se sapesse che mi vergognavo e quindi stesse cercando di mantenere una certa confidenza. Mentre iniziavamo questa conoscenza il pene ormai era praticamente sul suo culo, nell’incavo fra i due glutei, e più ci stava più mi eccitavo. La mia domanda venne bollata da un suo dito che mi sfiorò le labbra, e mentre la mano sinistra scendeva nei pantaloni della mia tuta lei avvolse il membro , facendomi fremere e sgranare quasi gli occhi. Non avrei osato fare il contrario, quindi lentamente fece scivolare il pantalone e il boxer, spogliandomi, potevo sentire l’aria sul sedere, si avvicinò ancora a me e cominciò a segarmi con la mano libera, mentre con la destra si reggeva a me e con una gamba impediva ai miei pantaloni di cadere. Sentivo il calore fremere, le sua dita giocare con la mia cappella come se non fosse la prima che toccasse, quando si girò fu finalmente chiaro quanto era carina, taglio corto, capelli colorati di verde e blu acqua, occhi azzurri e naso piccolo e carino, mi era capitata una ninfa. Sorrise quando disse quella frase e mi morsi il labbro, stavo godendo tantissimo, vuoi per la situazione , vuoi per l’inaspettato cambio ecco che stavo per venire. Mi sussurrò all’orecchio, ma tentati di trattenerla. Il suo sussurro, quasi una supplica, mentre si abbassava e fingendo di sedersi si mise la cappella in bocca , dovetti mordermi le labbra per non fare un ...
«12»