1. Un esperienza che mi ha completato sessualmente


    Data: 11/10/2018, Categorie: Etero, Dominazione, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Molte volte i pregiudizi, i luoghi comuni , le convenzioni, possono essere di ostacolo per vivere una vita con soddisfazione, e con quella pienezza che dovrebbe essere concessa a tuttiQuesto, naturalmente, riguarda ogni aspetto della nostra esistenza .Io ho havuto modo di sperimentarlo in campo sessuale e sono orgoglioso di me stesso per averne preso coscienza in tempo e, quindi ,di essere riuscito a superare tali pregiudizi ed aver , in tal modo, vissuto il sesso nel modo più appagante secondo la mia naturaSono un uomo di 36 anni ,di ottima presenza , educato, gentile , piuttosto timido, credo sufficientemente intelligente, nato e cresciuto in una piccola città del nordest . Fisicamente alto 190 per 80 kg, atletico, regolare frequentatore della palestra, sessualmente molto dotato, (27 cm e molto grosso ), sposato, con due figli . Quindi, una persona normale ,come la maggior parte degli uomini che si vedono in giro, ma con una grande attrazione e predisposizione per il sesso , che pratico con frequenza quotidiana. Ed è proprio il sesso l'argomento centrale di questo racconto della mia esperienzaSono, quindi ,nato nei favolosi anni 80, da una agiata famiglia della media borghesia. L'infanzia è stata normale,non ho subito traumi sessuali ,ne in famiglia, ne al di fuori. I primi stimoli sessuali , come credo per la maggior parte degli uomini, si sono manifestati all'epoca delle scuole medie. Le prime cotte, le prime fidanzatine , i primi baci e carezze, ma niente di più. Con ... gli amici le prime scoperte del sesso, con le prime foto ,i primi giornaletti o libretti erotici , le prime masturbazioni e, promossi dai più esuberanti, i primi confronti dei rispettivi cazzi, gioco in cui ho sempre primeggiatoAl liceo le cose cambiano , ma non di molto. I rapporti con le ragazze diventano più impegnativi e più intimi ,ma ,nel mio caso, non hanno mai superato qualche palpatina. Con gli amici , specialmente in ambito sportivo e,quidi sotto le docce , è stato più facile raggiungere una innocua intimità, che non turbava le coscienze di alcuno. Quindi un'infanzia ed un'adolescenza del tutto normale.Alla fine del liceo, la mia vita cambia radicalmente. In accordo con la famiglia, mi iscrivo all'università e vado a vivere da solo. All'insaputa dei miei cerco un'impiego per essere indipendente. Siamo alla fine degli anni 90 e trovare un impiego non è cosa impossibile. Ho la necessità, però, di un lavoro che mi lasci libero di gestire il mio tempo, in modo da non compromettere i miei studi E' l'epoca dei computer e trovo impiego in un grande emporio di elettrodomestici e P.C, con le mansioni di assistere la clientela nell'addestrameto all'uso degli stessi ,una volta consegati a casa del cliente. Non ho un rapporto di dipendenza e vengo pagato a prestazione ed un tanto all'ora.La famiglia continua ad accreditarmi un sostanzioso assegno mensile per le mie esigenze di vita e di probabile “ piacere “. Questi soldi li accantono in un libretto di risparmio e mi impongo di ...
«1234»