1. Le Mardì Gras


    Data: 11/10/2018, Categorie: etero, Autore: Tibet, Fonte: EroticiRacconti

    Il Matador e la Tzigana vanno ad una festa. Lei è molto bella, appariscente, il corpetto evidenzia il suo petto, lo spinge sfacciato in su quasi offerto allo sguardo degli uomini. Le falde della gonna non nascondono l'opulenza del suo fondo schiena. E' truccata pesantemente, rossetto, belletto, tutto come lui ha chiesto ed ha una mascherina che evidenzia i suoi occhi neri, sorridenti, maliziosi. Sui capelli neri come la notte porta il largo pettinino andaluso. Lui... si annoia. La Tzigana avvicina la bocca all'orecchio del Matador e sussurra... -Posso... amore...?- Il Matador segue con gli occhi lo sguardo della Tzigana, l'oggetto dell'interesse è D'Artagnan il moschettiere. Le fa un cenno d'assenso. Lei si stacca da lui, si porta vicino al moschettiere e gli chiede. -Ti leggo la mano... bell'uomo?- Lui si toglie il guantone e le porge la mano. Lei la prende e la stringe. -Non qui...-. E lo guida verso una delle camere da letto. Poi... più tardi la Tzigana rientra e si avvicina al Matador. Lo bacia... -Senti? So ancora di lui...-. Lui affonda la sua lingua, vuole rubarle quel sapore. -Ti racconto...?- -Non ora... non adesso...- La porta al centro della sala, prende la muleta e sguaina lo spadino. Smuove la muleta come per aizzare il toro. -Ahhh... ahhh.... aca' toro... ahhh... aca'…- Lei abbassa la testa e simula di essere il toro, lo carica. Lui la evita con una veronica e finge di matarla, lei crolla a terra. Lui la ama. Lei lo ama. Un buon Mardì Gras a tutti. Ah... la chiave di lettura? Ok- Pensate ad Anaïs Nin, Henry Miller e June Mansfield. ...Mi affascina quel periodo magico a Parigi degli anni 30, sarà che sono un sognatore e che mi sarebbe piaciuto viverci e vivere con loro il carnevale per le strade della città...
«1»